I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, il Comune: "Arrivo colonnine auto elettriche favoriranno mobilità sostenibile"

 

GROTTAFERRATA (attualità) - L'amministrazione commenta il protocollo d'intesa con Enel X Mobility srl

ilmamilio.it - nota stampa

Dal Comune di Grottaferrata riceviamo e pubblichiamo:

"Il Comune di Grottaferrata ha sottoscritto nei giorni scorsi un protocollo d’intesa con la società Enel X Mobility Srl relativo all’installazione di infrastrutture di ricarica per le auto elettriche nel territorio comunale al fine di sviluppare politiche che favoriscano la mobilità sostenibile. 

Si tratta del secondo passaggio in un cammino che vede l’Amministrazione Andreotti decisamente impegnata nella direzione di uno sviluppo mirato al massimo rispetto dell’ambiente. 

Leggi anche:  Grottaferrata, approvato schema di protocollo d’intesa con “Enel X Mobility srl’ su infrastrutture di ricarica per auto elettriche

sagra porchetta ilmamilio

Sempre con Enel X e in partnership con il Parco dei Castelli Romani, recependo la direttiva regionale dell’ottobre 2018, la giunta comunale nello scorso mese di luglio aveva approvato un protocollo d’intesa a tre, prodromico a quello successivamente sottoscritto tra ente locale e Enel X, per la cessione del servizio alla medesima società per otto anni senza oneri di spesa per il Comune. 

Il Gruppo Enel ha ideato, infatti, un sistema di infrastrutture intelligenti per la ricarica dei veicoli elettrici (‘EV Charging Station”, ovvero “Pole Station”, “Box Station”, “Fast Recharge”, “Fast Recharge Plus”, “V2G Station”), gestite con le più avanzate tecnologie informatiche per il controllo e la gestione remota (“Electric Mobility Managment”) ed in grado di rispondere alle attuali e future esigenze di una mobilità urbana evoluta e sostenibile. Tali infrastrutture abiliteranno la ricarica di tutti gli autoveicoli attualmente in commercio e saranno dotate di “Electric Mobility Managment” (gestione remota).

L’iter iniziale della vicenda è stato seguito dal consigliere Alessandro Cocco, già delegato a Innovazione e Smart City che commenta soddisfatto:”Grottaferrata dimostra con questo protocollo con EnelX e il Parco dei Castelli Romani  di prepararsi alle sfide del futuro e di tenere alla salute dei propri cittadini. 

Si tratta di un altro step per rendere la nostra città sempre più al passo con i tempi, siamo infatti uno dei primi Comuni dei castelli a dotarci di colonnine di ricarica per veicoli elettrici. Ringrazio il sindaco Andreotti, il responsabile dell'ufficio tecnico Aldo Zichella e il consigliere Marco Bosso per il lavoro corale e di squadra che ha permesso il raggiungimento di questo primo obiettivo”.

Il sindaco Luciano Andreotti commenta la novità inserendola in un corpus di importanti decisioni tutte coerenti nella direzione di una sempre maggiore sostenibilità ambientale.  “Ci troviamo in una fase storica nella quale chi amministra la cosa pubblica e il territorio non può davvero più esimersi dal prendere atto degli allarmi quotidiani per l’ambiente e l’ecosostenibilità che giungono dagli organismi internazionali” ha annotato il primo cittadino. “Ultimo in ordine di tempo quello della scorsa settimana lanciato dall’Onu ancora sul riscaldamento globale e il consumo di suolo”.

consorzio ro.ma

“Nel nostro piccolo - va avanti Andreotti - grazie alla collaborazione di volenterosi privati come il gruppo Corvi Toyota, abbiamo immesso il mese scorso la prima vettura ibrida nel parco auto comunali (nella foto ndr). L’intenzione è quella di continuare in questa direzione e l’accordo con Enel X ne è la prova. Indubbiamente ci troviamo di fronte a una rivoluzione epocale che richiederà del tempo ma dalla quale non possiamo né intendiamo sottrarci. In questo senso posso anche annunciare la realizzazione dei lavori di efficientamento e di risparmio energetico delle scuole del territorio,che riguardano le centrali termiche, con nuovi sistemi di produzione di energia, che saranno realizzati grazie ai finanziamenti del Fondo Kyoto 4 al quale avevamo aderito lo scorso anno. Il nuovo progetto di illuminazione pubblica a led di strade piazze e monumenti che cambieranno la percezione visiva e la sicurezza della nostra città, oltre che conseguire l’efficentamento energetico e la messa in sicurezza degli impianti. Fino ad arrivare a un servizio mensa, rimanendo in ambito scolastico, che sia totalmente plastic free a partire da Ottobre 2019. Le idee e la ricerca di buone pratiche in materia di ecosostenibilità sono da parte nostra chiare e decise. È una strada complessa ma anche affascinante e doverosa -  ha concluso il sindaco - che la nostra Amministrazione ha intenzione di seguire senza tentennamenti”.  

Commenti   

0 #2 ilsemperparatus 2019-08-15 05:34
non demorde, il futuro è il suo campo di agramante, una disfida al giorno per "tirare a campare"
Accantonati gli abiti dell' ego "mai nessuno prima di me",
dall'inizio dell'estate con le infradito e i pinocchietti per scendere in spiaggia... l'estate sta finendo :P
I neo futuristi "sempre paratus" lavorano ai fianchi i problemi anziché abbatterli si ingegnano per come evitarne gli effetti :oops: = semper fidelis a dimenticarli :zzz
Un classico atteggiamento dei semper paratus smemorato!
Un atteggiamento classico dei semper fidelis ai fallimenti, "opportuni" , dal 98 ben 4 commissari ce lo ricordano
I futuristi con un triplete di fallimenti sulle spalle e nella piccolissima "sporta" di futuro e credibilità rimasta, come cinici, vorrebbero fare i "marinetti" , ma sono diventate le "marionette" del pdRelle regionale
, " regione Lz, la zavorra dell'Italia" (il Tempo.it)
Il caffè dei castelli ci dice i perché
Citazione
0 #1 Gianluca Baldassarre 2019-08-13 23:41
Ottima notizia, dimostrazione che il nostro
Comune pensa al futuro.....
Vorrei solo avvertire il nostro sindaco di evitare di proporre le colonnine in Via Bellavista, visto che tra acquitrini e forestizzazione orami più che di una strada si può parlare di un osso del WWF.
Via Bella vista è una vergogna!!
Citazione