Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Monte Compatri, D'Acuti: "Via Carrarecce, pulizia dal 1°Agosto, poi i lavori per l'asfalto. Vincolo R4 per frenare allagamenti: Regione risponda"

MONTE COMPATRI (attualità) - La pioggia delle scorse ore ha provocato un fiume di detriti che rendevano impossibile il rifacimento del manto stradale, da parte di Astral.

ilmamilio.it

“Ripartono i lavori su via Carrarecce. La pioggia delle scorse ore ha provocato un fiume di detriti che rendevano impossibile il rifacimento del manto stradale, da parte di Astral. L’amministrazione comunale, da giovedì 1 agosto, provvederà a pulire e rimuovere i materiali dalla strada. L’intervento dovrebbe terminare entro sabato prossimo. Da lunedì 5 agosto la fresatura, a seguire un nuovo tappetino di asfalto. Ricordo, inoltre, che su quel tratto vige un’ordinanza che consente il transito veicolare solo a residenti e mezzi di soccorso”, lo comunica il sindaco di Monte Compatri, Fabio D’Acuti.

“Purtroppo, però, è evidente come i lavori di collettamento e regimentazione delle acque, finanziati dalla Regione Lazio, sono insufficienti per risolvere il problema degli allagamenti. La soluzione è l’intervento a monte del depuratore: l’obiettivo è quello di rallentare le acque con la possibile realizzazione di uno scolmatore di piena. Molti i soldi necessari, reperibili solo ripristinando il vincolo Sarno su quell’area”, continua il primo cittadino monticiano.

“Un anno fa; l’Autorità di Bacino del Tevere, dopo l’incontro a Palazzo Borghese, ha scritto alla Pisana per procedere con queste modifiche che ci consentirebbero l’accesso a risorse importanti contro il rischio idrogeologico. Siamo ancora in attesa, è bene ricordarlo, di uno studio di fattibilità preliminare e la redazione di un progetto: perché le cifre richieste per la soluzione del problema impegnerebbero ingenti risorse a sei zeri”, conclude il sindaco di Monte Compatri, Fabio D’Acuti.

consorzio ro.ma