I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Borelli: "Bonifiche discariche, fototrappole, Tarip: impegno per i Comuni dei Castelli Romani"

Risultati immagini per massimiliano borelliALBANO LAZIALE (politica) - Il consigliere metropolitano illustra le richieste
 
ilmamilio.it
 
Oggi il Consiglio Metropolitano ha approvato alcune variazioni al bilancio 2019. Tra queste, una serie di contributi ai Comuni per la bonifica di discariche abusive, l’acquisto di fototrappole, e per l’applicazione della Tarip. 
consorzio ro.ma
"Chi in questi anni ha scelto la raccolta dei rifiuti porta  a porta - afferma in una nota Massimiliano Borelli, Consigliere metropolitano del centro sinistra  - sa quanto sia difficile cambiare la cultura e come purtroppo per colpa di pochi irriducibili incivili si creino lungo le strade periferiche cumuli di immondizia e piccole discariche. I Comuni con i loro Bilanci spesso non riescono a bonificare immediatamente questi luoghi, avendo  così un pessimo biglietto da visita.  Ancora di più per i pochi Comuni , come Albano,  che in tema di raccolta differenziata hanno applicato la TARIP, ovvero la tariffa puntuale che consente di pagare il servizio di raccolta rifiuti in base al volume della spazzatura indifferenziata prodotta". 
 
"C’è la necessità quindi che enti superiori supportino queste scelte - conclude -  anche con contributi finalizzati. Per questo ho segnalato alcune delle esigenze che altri amministratori locali mi avevano sottoposto . Tra queste, hanno trovano rispondenza tra gli altri, i Comuni Cave, Segni, Albano, Castel Gandolfo, Velletri, Lariano, Labico, Gavignano, Palestrina, Monterotondo , Sacrofano, Rocca Priora, Riofreddo e  Grottaferrata.  Nei prossimi mesi valuteremo come supportare altri Enti in questa direzione. Quella stessa direzione che il Comune di Roma fatica a prendere, e purtroppo questa non scelta  è sotto gli occhi del mondo".