I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Morte Stefano Branco e pestaggio di Pavona, Dessì: "Tutti devono contribuire ad individuare i responsabili"

FRASCATI (attualità) - Il senatore sui due fatti di cronaca di questi giorni ai Castelli romani

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

"Ci sono fatti gravi per i quali non ci sono ancora i responsabili, gli autori". A parlare è il senatore 5 stelle Emanuele Dessì. "Il dovere civico che ognuno di noi deve avere, ci dovrebbe portare ad aiutare gli inquirenti ad individuare coloro che hanno contribuito in un caso alla morte di un ragazzo in strada ed in un altro al selvaggio pesteggio di un 61enne".

Il senatore si riferisce alla tragica morte del 25enne di Ciampino, Stefano Branco che qualche giorno fa ha perso la vita sul Grande raccordo anulare in un incidente avvenuto all’altezza dello svincolo per la via del Mare: l’amico che era con lui è ancora grave in ospedale. I familiari e le forze dell’ordine sono alla ricerca di testimoni per ricostruire cosa è accaduto e valutare eventuali responsabilità di terzi in un incidente la cui dinamica è ancora troppo misteriosa.

LEGGI Ciampino: spunta un’altra auto nell’incidente mortale per Stefano Branco, la Polizia Stradale alla ricerca di elementi per l’identificazione

consorzio ro.ma

L’altro caso è quello di un 61enne di Pavona di Albano Laziale che sentendo troppi schiamazzi sotto casa, è sceso ed ha chiesto a ragazzi e ragazzini di abbassare tono e voce. L’uomo è stato selvaggiamente malmenato ed è stato mandato all’ospedale. Anche in questo caso i familiari chiedono ai chi ha assistito alla scena, indegna, di contribuire al lavoro dei carabinieri nell’individuare i responsabili – sembra tutti giovanissimi – del vile pestaggio di gruppo

LEGGI Pavona, la figlia del 61enne aggredito: “Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per identificare gli autori del gesto”

"La riflessione che ne scaturisce - dice ancora Dessì -  è quella del bisogno di sicurezza che gli enti, soprattutto locali, hanno il dovere di dare ai cittadini, insieme al decoro. Invece di fare voli pindarici su opere per le quali oggi non ci sono risorse, le istituzioni locali (ma comprese quelle regionali, come ad esempio nel Lazio sul tema della sanità) devono impegnarsi soprattutto su questi due ambiti e dare risposte", dice il senatore pentastellato.

Due casi castellani sui quali, purtroppo, le certezze sono ancora troppo poche.

consorzio ro.ma