I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Castel San Pietro Romano candidato al Premio Vassallo ricorda "Il Sindaco pescatore" proiettandone il film

 
  •  
    CASTEL SAN PIETRO ROMANO (eventi) - Le parole di Mascia Stecca
     
    ilmamilio.it
     
    Domenica sera, la Cisterna dei Benedettini a Castel San Pietro Romano ha ospitato la proiezione (gratuita) del film “Il Sindaco Pescatore” incentrato sulla vita di Angelo Vassallo, un pescatore che, esasperato dal vedere il mare ed il suo paesino cilentano, Pollica, sempre più degradati, si candida e viene eletto sindaco nell'aprile del 1995. Con grande applicazione e un carisma tanto forte da conquistare i concittadini, avvia una politica incentrata sulla legalità e sul rispetto dell’ambiente. Verrà purtroppo ucciso nel settembre del 2010 dalla camorra che aveva contrastato perseguendo il bene della sua piccola comunità cilentana.
     
    La pellicola, film per la tv andato in onda sulle reti Rai nel 2016, si ispira all'omonimo libro uscito nel 2011 e scritto da Dario, fratello del compianto sindaco. Nei panni del protagonista c'è il bravissimo attore Sergio Castellitto e, a dirigerlo dietro la macchina da presa, il regista Maurizio Zaccaro. La narrazione cinematografica ripercorre la parabola degli ultimi anni del pescatore Angelo Vassallo, nato nel piccolo centro di Pollica, paese completamente devastato dal malgoverno. Vassallo, animato dalla speranza e fortemente motivato a ridare lavoro e bellezza al comune di Pollica, ingaggia la sua battaglia contro la mafia che, oltre a smerciare droga sul lungomare, specula permettendo la realizzazione di opere pubbliche con appalti truccati che hanno ulteriormente deteriorato l’immagine urbana. Vassallo scende in campo e si candida a sindaco. Pur vincendo l’incarico si scontra inesorabilmente contro l'ostilità degli assessori e perfino del segretario comunale. Emblematico del malcostume dilagante –nel film- c’è lo scontro col magistrato e col padre, al quale fa abbattere la casa abusiva e non a norma. Inizia così la mirabile avventura di Angelo Vassallo che opera con ferrea volontà per bonificare la cittadina. Quando la ricostruzione cinematografica giunge così agli anni 2000 Pollica, grazie al suo Sindaco, è diventato uno dei centri turistici più importanti del Cilento, dispone di un porto attrezzato e di una pregevole riserva naturale. Purtroppo persiste ancora però il fenomeno della camorra e dello spaccio che Vassallo contrasta finchè, poco tempo dopo aver fatto chiudere un locale notturno del lungomare, luogo teatro di un cospicuo spaccio di droga, rimane vittima di diversi colpi di pistola.
     
    Il Premio Angelo Vassallo . A ridosso della morte del Sindaco Vassallo, l’opinione pubblica nazionale si è fortemente scossa a causa del tragico fatto e, a distanza di poco, assume un importante valore simbolico l’istituzione del Premio dedicato a questa luminosa figura politica di grande spessore civile e caratura morale. Vassallo è oggi simbolo della lotta contro ogni sopruso e della forza dei principi di legalità. Promuovono il Premio Anci e Legambiente insieme a Libera, Slowfood e Federparchi ed al Comune di Pollica. L'iniziativa si rivolge all'individuazione del sindaco virtuoso che, con il suo operato abbia colto l'eredità del Sindaco Vassallo affinché il suo esempio continui ad essere seguito da coloro che si dedicano con dedizione alla comunità.  Obiettivo del Premio, che sarà assegnato proprio a Pollica il prossimo 10 agosto, è conferire un riconoscimento ai progetti già realizzati e rivolti alla tutela e promozione del territorio, sviluppo locale, rispetto e valorizzazione dell’ambiente all’insegna della trasparenza amministrativa.
     
    Per la candidatura di Castel S. Pietro Romano, parla il consigliere comunale delegato dal sindaco Nardi, Mascia Stecca, che segue le attività produttive e altri settori su mandato del primo cittadino dello splendido paesino in provincia di Roma, dove girarono nel 1953 il famoso film "Pane, Amore e Fantasia", di Luigi Comencini, con Vittorio De Sica, Gina Lollobrigida e Marisa Merlini. 
     
    "Quest'anno il Comune di Castel S. Pietro Romano si é candidato al Premio Angelo Vassallo. dice la consigliera Mascia Stecca che spiega le varie iniziative intraprese, tra cui quella di domenica scorsa .m«Crediamo che il nostro sindaco Gianpaolo Nardi sia un esempio virtuoso per tutte le amministrazioni. Siamo orgogliosi del suo impegno, delle tante azioni svolte per rilanciare Castello ed il nostro territorio da tutti i punti di vista. Per questo ci siamo candidati per il Premio Vassallo.  L a storia del Sindaco pescatore, morto per mano della camorra, ha colpito molto la sensibilità di tutti noi, ancor di più colpisce chi, come i cittadini di Castel San Pietro Romano vengono da una storia politica molto travagliata, non certo dai meccanismi terribili della camorra, ma da una situazione veramente nera che aveva visto Castello prima allo sbando e poi sotto commissariamento. Non è difficile immaginare che questo dissesto sia stato amplificato nella percezione dei singoli, come avviene sempre quando si tratta di fare i conti con realtà molto raccolte. Ognuno ne avrà sofferto, specie i più giovani, delusi dalla politica e fortemente demotivati a partecipare alla vita della comunità. Ma è proprio dai giovani che invece è arrivata la soluzione quando poi, finalmente, 5 anni fa, Gianpaolo Nardi si candidò come sindaco. Era giovanissimo, attivo nel sociale e nel volontariato, con una forte passione politica e innamorato di Castel San Pietro.
    consorzio ro.ma
     
    Sono state tante le iniziative intraprese, in ciascuna sono stati elementi centrali la partecipazione di tutte le realtà presenti nel paese come, ad esempio le associazioni che tanto fanno insieme al volontariato per il nostro territorio e per l’ambiente. Gianpaolo si è battuto da subito per informare tutti i cittadini di cosa si faceva in Comune, ripetendo che è la casa di tutti e rendendola tale. Oggi il nostro comune è una comunità unita e permeata da uno spirito di sana democrazia, senza distinzioni di età, categoria economica o scelta politica ",  conclude  la consigliera Stecca.  
     
    Nel cuore del paesino delle montagne prenestine sono valorizzate le attività storiche, e ne è nata qualcuna nuova, dedicata ai prodotti tipici. "Aleggia uno spirito di solidarietà che ricorda le sensazioni provate tanti anni fa - dice il sindaco Nardi - rieletto per la seconda volta primo cittadino con la maggioranza dei voti. Girando nel nostro centro storico, ci vengono alla mente quei piccoli paesini dove ancora, con fiducia, si tenevano le chiavi sull’uscio di casa e tutti si conoscevano e si apprezzavano nel rispetto delle legittime diversità. Un grande traguardo per Castel San Pietro è stata la recente certificazione quale “Borgo tra i più belli d’Italia”, un grandissimo risultato che difendiamo con azioni di monitoraggio costante, cura del decoro urbano e la spiccata cura del verde per rispettare gli elevati standard imposti dalla carta di qualità legata al prestigioso club . Tutti noi -- conclude Gianpaolo Nardi -  siamo pieni di felicità per il risultato elettorale ottenuto:  la nostra squadra sono stati tutti riconfermati e le elezioni amministrative (tenutesi lo scorso 26 maggio 2019 ) hanno assegnato un primato nazionale con il 98,2% dei voti alla mia candidatura e a quella dei miei amministratori . Sono stato il primo cittadino più votato d’Italia come sancito dai dati del Ministero degli Interni, questo mi riempe di gioia ma anche di grande responsabilità verso i miei concittadini e gli altri sindaci dei comuni vicini". 
     
    Da questi fatti la candidatura al premio Angelo Vassallo, a cui il piccolo Comune sta lavorando da tempo con grande impegno.