I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Maxi sequestro da 120 milioni della Polizia alla ‘Ndrangheta, fra i beni anche un immobile a Grottaferrata

CRONACA - impiegati oltre 250 agenti della Polizia di Stato con il coinvolgimento di 11 Questure

ilmamilio.it

Gli uomini della Divisione Anticrimine della Questura di Roma stanno effettuando dalle prime ore di questa mattina un maxi sequestro, per un valore di oltre 120 milioni di euro, nei confronti di noti esponenti della criminalità organizzata calabrese radicata a Roma e provincia da oltre 30 anni.

Tra i beni sequestrati ci sono 173 immobili situati tra Roma, Rignano Flaminio, Campagnano Romano, Grottaferrata e altre province italiane. Nell'operazione rientrano:

  • 38 quote societarie e ditte individuali;
  • 40 complessi aziendali di cui 7 supermercati siti in Roma, Rignano Flaminio, Capena, Fiano Romano, Morlupo e Castelnuovo di Porto.
  • 4 allevamenti di bovini, bufalini, ovini e cavalli;
  • 38 veicoli tra cui una Ferrari F 131 ADE;
  • 1 contratto di rete di imprese e fondo patrimoniale finanziato dalla Regione Lazio di € 100.000;
  • titoli per l’erogazione di aiuti all’agricoltura finanziati dall’Unione Europea;
  • oltre 1000 rapporti finanziari;
  • gioielli e preziosi  il cui valore deve essere periziato, contenuti in 3 cassette di sicurezza gia’ sottoposti a sequestro preventivo ex art. 321 c.p.p.;
  • assegno circolare di € 90.000;
  • dispositivi informatici (personal computer, tablet, telefoni cellulari ecc.) intestati a persone fisiche comunque nella disponibilità diretta o indiretta dei proposti;
  • monete virtuali o criptovalute che dovessero essere individuate;
  • ulteriori beni di valore che nel corso dell’esecuzione dovessero essere trovati nella disponibilità dei proposti.

L’operazione ha visto l’impiego di 250 agenti della Polizia di Stato con il coinvolgimento di ben 10 Questure, oltre quella di Roma.

danilo boxeconsorzio ro.ma