I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Non ce l'hanno fatta le uova deposte dalla tartaruga marina a Tor San Lorenzo: la schiusa è tragica

uova ardeaTOR SAN LORENZO (cronaca) - Neanche uno degli embrioni depositati ad inizio luglio è riuscito ad arrivare a maturazione

ilmamilio.it

Non ce l'ha fatta mamma tartaruga stavolta non è riuscita nell'impresa. O meglio: lei il suo dovere lo ha fatto fino in fondo due mesi fa (LEGGI l'articolo del 5 luglio) solo che le cose non sono andate bene.

A darne notizia ieri sono stati gli operatori della "Stazione zoologica Anton Dohrn", dalla cui pagina Facebook sono tratte queste foto.

"Sabato si è tenuta l'apertura del nido di Tor San Lorenzo, ad Ardea, alla presenza anche del sindaco di Roma Virginia Raggi.

Il nostro collaboratore, Gianluca Treglia, ha dichiarato che alla riapertura del nido le uova, circa 100, presentavano tutte condizioni molto simili con presenza di parassiti che a breve saranno analizzati in laboratorio dove si terrà anche l'apertura delle uova.

"Non sappiamo dire con sicurezza a che stadio embrionale si siano fermate le uova ma è probabile che sia avvenuto poco dopo la deposizione, probabilmente a causa della natura della sabbia", dichiara ancora il biologo. Purtroppo, come già detto, le tartarughe stanno cercando nuovi luoghi per nidificare, esplorando e può accadere anche che la schiusa non vada a buon fine".

tartarughe acquaA poche ore di distanza, però, ecco una buona nuova. A darla sono sempre quelli della Anton Dohrn. "Dopo notizie tristi, ne arrivano di felici: rinvenuto nido non segnalato a Palinuro, presso il lido La Torre. La schiusa sta avvenendo in queste ore ma al momento solo una tartaruga è stata trovata viva. La pagina Facebook Tartarughe Marine in Campania chiede ai bagnanti presenti di segnalare la presenza di eventuali esemplari vivi e non calpestare le tracce, così da consentire ai biologi della SZN di risalire al nido".