I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Rocca di Papa, Iadecola (Pro-Case) su protocollo Regione – Procura: “Troppo rigido e poco attento alle diverse situazioni”

ROCCA DI PAPA (attualità) - la nota del presidente del Comitato Pro-Case, Alessio Iadecola, che da anni si occupa del problema abusivismo in particolare sul territorio roccheggiano

ilmamilio.it - nota stampa

Dal Presidente del Comitato Pro-Case, Alessio Iadecola, riceviamo e pubblichiamo.

“Questa mattina presso il Tribunale di Velletri sono venuti a galla tutti i limiti del protocollo d’intesa, firmato quattro anni fa, fra Regione Lazio e Procura della Repubblica di Velletri per l’applicazione di sentenze di demolizione di manufatti e costruzioni abusive.

190620 sfaccendati

Gli amministratori dei Comuni interessati hanno finalmente evidenziato le difficoltà attuative di un documento che è oggettivamente troppo rigido e che talvolta non è declinabile alle esigenze dei diversi territori e delle comunità.

Da sempre ritengo che la base di partenza per valutare i casi di abusivismo sia l’analisi della singola situazione: non si possono mettere sullo stesso piano gli speculatori e chi ha costruito, sì abusivamente, ma per necessità con famiglia a carico. Più che rigidi protocolli d’intesa, ritengo occorra apertura al dialogo da parte delle istituzioni. In questo senso diventa fondamentale il ruolo del Comune, quale ente di maggior prossimità a disposizione dei cittadini. Nessuno vuole modificare le leggi o fuggire dalle proprie responsabilità, è tuttavia fondamentale il metodo di approccio rispetto a tematiche delicate come quella dell’abusivismo”.

LEGGI --> Abusivismo edilizio, la Procura di Velletri chiede conto ai Comuni sulle demolizioni

danilo boxe


consorzio ro.ma