I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ariccia, a Palazzo Chigi confronto sull’abusivismo edilizio

ARICCIA (eventi) - convegno organizzato della Camera Civile ed Amministrativa di Velletri

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Un grande successo di pubblico ed una discussione appassionata e partecipata hanno caratterizzato il convegno organizzato dalla Camera Civile ed Amministrativa di Velletri ad Ariccia il 12 giugno u.s., nella splendida cornice della sala Maestra di Palazzo Chigi, con il patrocinio del Comune di Ariccia.

sfaccendati190610

L'evento, coordinato ed organizzato dall'Avv. Marco Di Benedetto, membro della Giunta esecutiva dell'Unione Nazionale Camere Civili, in collaborazione con l'Avv. Emilio Tomasi e l'Arch. Dimitri Ticconi, ha posto l'attenzione sul diffuso problema dell'abusivismo edilizio nell'area dei Castelli Romani.

Come sottolineato dall'Avv. Di Benedetto nella presentazione dell'iniziativa, l'incontro ha rappresentato una prima occasione di confronto tra gli addetti ai lavori, politici e i cittadini, per un'analisi del feonomeno e l'avvio di un dialogo costruttivo, volto ad individuare soluzioni concrete, nel rispetto della legalità e di diritti protetti dalla Carta Costituzionale.

danilo boxe

Nel corso degli interventi, l'Avv. Emilio Tomasi, già assessore al Bilancio e Patrimonio del Comune di Ariccia, ha sottolineato la scarsezza dei fondi a disposizione degli enti locali per l'attività di vigilanza e repressione del fenomeno e come essi di fatto vengano sottratti ai possibili stanziamenti per agli investimenti; ha concluso auspicando l'intervento del legislatore regionale e ricordando la necessità di allacciare un dialogo con la cittadinanza e i tecnici del territorio per riuscire a fornire risposte celeri e concrete. L'Avv. Fabrizio Federici, nel trattare le problematiche inerenti agli aspetti penali del problema, ha sollecitato una maggiore e leale collaborazione tra Procura della Repubblica e Amministrazioni locali, anche al fine di fare chiarezza nell'ambito di una normativa concorrente, tra Stato e Regioni, spesso caratterizzata da lacune e contrasti. L'Avv. Monica Galano, ha esaminato le principali problematiche affrontate dal Giudice amministrativo e messo in evidenza le soluzioni di recente adottate dalla Corte di Cassazione in ordine al trasferimento degli immobili abusivi o comunque interessati da domande di condono. La formulazione di proposte e soluzioni è stata invece affidata all'Avv. Antonio Campagnola, esperto di diritto amministrativo e di pubbliche amministrazioni, il quale ha sottolineato il ruolo chiave degli strumenti di pianificazione regionale, per arginare e risolvere il problema e garantire prassi condivise e uniformi tra tutti gli enti locali. Gli aspetti tecnici, i numeri del fenomeno e le relative problematiche procedimentali sono state compiutamente esaminate nel corso degli interventi dell'Arch. Patrizia Colletta, già Dirigente della Vigilanza Urbanistica ed Aedilizia e per la lotta all'Abusivismo della Regione Lazio, e dall'Ing. Filippo Vittori, Dirigente dell'Area Tecnica del Comune di Albano Laziale.

Con un  interessante intervento fuori programma, il Dott. Adriano Iasillo, Presidente della Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione e cittadino di Ariccia, ha ribadito la necessità di affermare anche in tale ambito una cultura della legalità, trattandosi di fenomeno del tutto sconosciuto nei Paesi del Nord Europa, dove è più stringente il controllo del territorio.

Hanno partecipato all'evento numerosi amministratori e dipendenti dei Comuni della zona, tra cui il Sindaco ed il Vice Sindaco di Albano, il Sindaco di Cori, l'Assessore all'Urbanistica e il dirigente dell’area tecnica del Comune di Marino, i referenti tecnici del Comune di Genzano di Roma ed il Presidente del Consiglio Comunale di Ariccia.

Al termine della serata a tutti i presenti è stato offerto un aperitivo, con degustazione di vini e prodotti gastronomici locali.