I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Il Parco Viviavventura di Grottaferrata apre all'inclusione sociale

GROTTAFERRATA (attualità) - Centro estivo gratuito per i bambini segnalati dai Servizi sociali del Comune

ilmamilio.it

Il Parco Viviavventura di Grottaferrata, oltre che come luogo per attività di svago e divertimenti, si propone anche come centro di inclusione sociale per bambini e ragazzi meno fortunati.

Non tutti gli esercizi commerciali nascono solamente per scopo di lucro. Tra il divertimento, la psicomotricità e l’allegria, il titolare del centro, Aldo Camerino, ospiterà anche quella fascia sociale di bambini e ragazzi che per svariati motivi si trovano a trascorrere una parte del loro tempo, in contesti sociali particolari, come le case famiglie in cui, è necessario salvaguardare e tutelare i sogni, la spensieratezza e lo spirito di avventura.

Già ai servizi sociali del Comune di Grottafferrata è stata manifestata la piena disponibilità ad accogliere, nel nuovo centro estivo del Parco Viviavventura, quei bambini che saranno segnalati dal servizio stesso, completamente a costo zero per il Comune di Grottafferrata.

sfaccendati190610L’ulteriore slancio che propone il Camerino sarà quello di offrire dei voucher gratuiti numerati ad ingresso libero, cosicché il servizio sociale potrà utilizzarli ogni qual volta se ne dovesse ravvedere la necessità per quei minori a cui gioverà lo svago ricreativo.

"Provengo da una famiglia numerosa da parte di mia madre, 2ª di 8 figli - spiega il titolare del parco - . Io stesso sono il 1º di 18 nipoti e seppur cresciuto in un contesto decoroso e molto umile, non posso dimenticare le mie origini per metà partenopee e per metà romane. Molto devo ai miei 4 nonni che ho potuto conoscere ed amare, tanti i valori etici ed umani da loro trasmessi. Uno su tutti, l’accoglienza e la disponibilità per il prossimo: questi sono solo alcuni dei motivi per cui mi hanno spinto ad aprire le porte a famiglie “particolari” con i loro figli. Numerosi i progetti per il futuro, uno tra i tanti, la realizzazione del campo da bocce cosicché, tutti i nonni che spesso accompagnano i loro nipoti qui al Parco Viviavventura, potranno trascorrere il tempo in ottima compagnia".

danilo boxe

consorzio ro.ma