I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

Antrace alla Molara: la cittadinanza era all'oscuro ma l'allarme è serio. Almeno 10 bovini morti nei giorni scorsi

molara antraceGROTTAFERRATA (attualità) - La notizia ha preoccupato la popolazione che non è stata avvisata se non con l'ordinanza pubblicata sul sito istituzionale. La malattia può trasmettersi anche all'uomo

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Nessun avviso alla cittadinanza, nessun manifesto. Niente. Se non l'ordinanza numero 6 pubblicata sul portale istituzionale di Grottaferrata nel pomeriggio ieri.

Ma dell'allarme antrace di cui si parla da ore, nessuno a Grottaferrata sapeva nulla (LEGGI l'articolo di ieri sera).

Eppure, l'area dichiarata infetta dal sindaco Luciano Andreotti nella sua ordinanza, è estesa e vasta ed al suo interno ricadono anche alcuna abitazioni e diversi fabbricati. Senza contare che nelle immediate vicinanze ci sono l'abitato della Molara, nel Comune di Monte Compatri e la popolosa area del Pratone, a Grottaferrata.

Il sindaco non ha ritenuto necessario avvisare la popolazione con manifesti e altro. Eppure, aggiungiamo, l'enorme clamore destato nei cittadini testimoniato dalle migliaia e migliaia di letture del nostro articolo di ieri sera certifica la preoccupazione dei cittadini.

Non era il caso di avvertire con maggiore incisività la popolazione? Non era il caso di diramare un comunicato stampa? Non è il caso di spiegare ai cittadini quale sia il grado di pericolo? Chi si sta occupando della questione? Di tenersi alla larga dall'intera zona?

E invece, nulla.

L'allarme c'è eccome. Le note Asl Rm6 e dell'Istituto zooprofilattico sperimentale parlano espressamente di bacillus Anthracis. Non di influenza.

A quanto si apprende, sarebbero stati proprio gli allevatori una decina di giorni fa a chiamare i veterinari, una decina di giorni fa: i capi di bestiame morti sarebbero 10, nel corso dei giorni. Tutti, a quanto pare, uccisi dal carbonchio ematico bovino.

E dalla Asl Rm6 confermano che la malattia, seppur sembra con effetti meno gravi, può comunque trasmettersi all'uomo.

Commenti   

-1 #2 sonosempreglistessi 2017-09-02 16:29
.......grazie redazione per il servizio e per le domande pertinenti alle quali NON vengono date le doverose risposte.
grazie anche all'amico/a la buona politica per le domande e denunce puntuali e pertinenti.
Ogni emergenza che è manifestata negli ultimi 25 anni si è limitata alla semplice ordinanza ...... ma almeno prima, le ORDINANZE venivano affisse per il paese. Così han fatto tutti ?
Forse, ma TINTO BRASS si riferiva ad altro !
Citazione
+1 #1 la buona politica 2017-09-02 13:03
Benissimo per la prontezza dell'ordinanza, ora dia le giuste risposte sull'attività agricola del PUA visto che ci sono richieste inascoltate da oltre 2 anni. Ci sono in coalizione esponenti dell'Amministrazione Fontana che conoscono molto bene i processi di rilascio delle autorizzazioni e le inadempienze dei proprietari, il tutto a danno della collettività di Grottaferrata.
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna