Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Grottaferrata, allarme antrace alla Molara. Il sindaco dichiara la zona area infetta da carbonchio ematico

carbonchio3GROTTAFERRATA (cronaca) - L'ordinanza di oggi diramata sulla scorta della nota del Servizio veterinario della Asl Rm6 che ha rilevato la presenza del batterio in bovini morti all'interno di un allevamento

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

 

Con l'ordinanza numero 6 del 1 settembre il sindaco Luciano Andreotti ha dichiarato zona infetta l'area della Molara, alle pendici del monte Tuscolo, compresa tra la strada provinciale 73B, la via Tuscolana (Statale 215) e via Stella Polare, al confine con territorio comunale di Monte Compatri.

L'ordinanza si è resa indispensabile ed urgente a seguito della nota con la quale il Servizio veterinario della Asl Rm6 comunicava il rinvenimento nella zona di "carbonchio ematico da bovini" derivante dalla presenza del batterio Bacillus anthracis. La tossina, sprigionatasi da bovini morti, è estremamente tossica e pericolosa anche per gli esseri umani.

Il batterio è stato rilevato all'interno delle carcasse di alcuni bovini morti in un allevamento della zona.

LEGGI aggiornamento del 2 settembre

LEGGI l'intervista esclusiva al direttore del Dipartimento prevenzione della Asl Rm6, Mariano Sigismondi

Il testo integrale dell'ordinanza

carbonchio1

carbonchio2