I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, perdite idriche. Andreotti: “‘Vigilo su disservizi”. Fontana: “Sindaco in realtà abbaia alla luna”

GROTTAFERRATA (politica) – Il sindaco si lamenta del servizio, l’ex primo cittadino lo critica: "Assente alla conferenza degli amministratori di Ato 2"

ilmamilio.it

Torna la polemica sulle perdite idriche a Grottaferrata, con tanto di ripercussioni politiche. Il sindaco Andreotti, durate un sopralluogo nella mattinata di ieri, ha affermato di aver contato oltre dieci guasti, pubblicando le foto sono di quelle in corso a Villa Senni e Viale San Nilo.

“Come Amministrazione – ribadisce il primo cittadino - abbiamo intenzione di vigilare in maniera sempre più puntuale e intransigente sui disservizi che metteremo a carico delle aziende fornitrici profumatamente pagate da tutti noi contribuenti. In particolare nell’ultimo mese ho scritto due significative lettere ai vertici Acea Ato 2". "Come sindaco a capo di una Amministrazione Comunale al lavoro per il buon governo della città - prosegue - sento il dovere di essere tra i primi difensori civici dei cittadini. Io in prima persona e tutti i componenti dell’Amministrazione comunale abbiamo intenzione di esercitare con decisione questo ruolo”.

consorzio ro.ma

Poche ore prima era stato l’ex sindaco Giampiero Fontana a denunciare le nuove gravi perdite del territorio: “Si riapre, per l'ennesima volta, il guasto in via Anagnina, mentre su via valle della Noce scorre da settimane l'acqua. In città numerose altre perdite idriche attendono, invano, l'intervento di Acea ato2”. Poi è partito un attacco preciso al Comune: “Colui che lo scorso gennaio, in un'intervista, minacciava Acea di chissà quali portentose azioni, in accesa polemica per i pesanti ritardi negli interventi sui continui guasti alla rete idrica-colabrodo, in realtà abbaia alla luna. Infatti, dall'elezione a sindaco, costui non ha mai preso parte alla conferenza dei sindaci di Acea ambito territoriale ottimale due (Ato2), l'assemblea deputata, tra le altre decisioni, a deliberare anche sui lavori da effettuare alla rete idrica nei comuni in cui Acea gestisce il servizio idrico integrato, incluso il Comune di Grottaferrata”. “Davvero un gran bel "rispetto" per la città ed i cittadini – aveva concluso Fontana - in questo suo (non) fare, il sig. sindaco, è in "ottima" compagnia (Assessori, consiglieri, burocrazia comunale)”.

Polemiche di natura politica a parte, quel che è sicuro è che l’acqua a Grottaferrata scorre a fiumi, con forte disagio materiale ed economico per i residenti. Con iniziative politiche ‘solitarie’ ed esclusivamente locali, comunque, è difficile che si possa risolvere a breve un problema che attanaglia la città da anni e che dovrebbe contestualizzare l’azione sinergica di più realtà territoriali e più sindaci.

Commenti   

0 #2 armando 2019-05-28 12:36
questi, che straparlano senza dire le verità sui membri dei MISfatti, questi ce li cacci via subito
Roberto dice una sua verità
Roberto se non "saSallo" che appesa alla porta del comune, c'era una cassetta nella quale il Cittadino serio e responsabile, ha x anni autocertificato il consumo del bene + prezioso: l'acqua!
Cittadini umiliati&sbeffeggiati nel 2006 da quelli che vollero cancellare MLN&MLN di € perché il "comune" non sapeva QUANTO chiedere agli EVASORI!" è storia !
Ci fu chi chiese il "riaccertamento" pubblico per i crediti che volevano "cancellare", quanta robbbba e quanta evasione ancora da richiedere = MLN di € riscuotibili
E pensare che "subito dopo" attivarono la riscossione esterna dei tributi comunali. Ma quelli cancellati = in saccoccia agli onesti!
La riscossione delle evasioni tributarie, non piace a dx&sx = chiusa nel 2013 fra gli applausi (alfellini)
quelli che oggi vigilano, sono quelli che hanno vinto?
Citazione
0 #1 Roberto 2019-05-26 18:00
Gia'nel 2002 alla concessione ad Acea l'acquedotto la differenza tra l'acqua immessa in rete e la quantita'fatturata superava il 50% e da allora nessuno dei Sindaci ha fatto nulla di efficace per conoscere lo stato degli impianti e le cause delle perdite, solo parole al vento.Chi e'senza peccato scagli la prima pietra
Citazione