I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Altra grana per Mastrosanti e Gori: arriva la diffida del prefetto sul Consuntivo. Tempo fino al 12 giugno

FRASCATI (politica) - Ennesimo sollecito da parte della prefettura per l'approvazione dei conti. Siamo alle solite

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Ancora brutte notizie per il sindaco di Frascati Mastrosanti. Ieri è arrivata la diffida del prefetto di Roma che intima al Consiglio comunale di approvare il Bilancio consuntivo 2018 entro 20 giorni, il che significa entro il 12 giugno.

Una bella patata bollente, dal momento che il rendiconto di DBlancio non è stato ancora approvato neanche in Giunta. E questo rappresenta un rischio per la tenuta dell'Amministrazione.
giglio pazienza
Proviamo a spiegare perché. Il Consuntivo, una volta approvato dalla Giunta comunale, deve essere notificato ai consiglieri e depositato per 20 giorni, solo al termine dei quali può essere portato in Consiglio comunale. I 20 giorni servono anche ai Revisori dei conti per emettere il loro parere.
Ora vien da sé che i 20 giorni dall'approvazione della delibera da parte della giunta che - ricordiamo - non è ancora avvenuta scavalcano gioco forza i 20 giorni dati dal Prefetto al momento della notifica della diffida, che è avvenuta ieri.
balzoni190508
 
Cosa comporta questo? In punta di diritto potrebbe comportare lo scioglimento del consiglio comunale, ma è facile immaginare che il segretario comunale attiverà un'interlocuzione con la Prefettura, al fine di scongiurare la fine dell'amministrazione. Di certo però questo ritardo potrebbe compromettere seriamente l'attivazione del predissesto, perché il piano di risanamento ex art. 243, voluto fortemente dall'assessore Claudio Gori e richiesto pure dai Revisori dei Conti in sede di previsionale, può essere richiesto solo se il bilancio di previsione e il rendiconto vengono approvati nei termini di legge.
E in questo caso, volendo considerare anche i giorni di diffida nei "termini di legge, il fatto di scavalcarli a causa della mancata adozione del consuntivo in giunta al momento dell'arrivo della diffida - come specificato in precedenza - costituisce un ostacolo difficilmente superabile.
consorzio ro.ma
Resta inspiegabile l'inerzia del Sindaco e dell'assessore al Bilancio che, pur sapendo che il Consuntivo doveva per legge essere approvato entro il 30 aprile, hanno perso tempo e si sono fatti arrivare la diffida del Prefetto addirittura prima dell'approvazione in Giunta.
Un'approssimazione e una superficialità politico-amministrativa che, purtroppo, rischiano di pagare a caro prezzo tutti i cittadini di Frascati. 
ballico ilmamilio 190513