I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, delibera "advisor": "L'Anac dà ragione all'opposizione. La Giunta revochi l'atto"

FRASCATI (politica) - L'Autorità anticorruzione si esprime in merito alla delibera 72 con la quale l'Esecutivo "suggeriva" il nome di una società per l'espletamento del servizio

ilmamilio.it - nota stampa

Comunicato congiunto dei consiglieri comunali Damiano Cimmino, Mirko Fiasco, Roberto Gherardi De Candei, Raffaele Pagnozzi, Lucia Santoro, Francesca Sbardella e Gianluca Travaglini.

Abbiamo appreso ieri, dalla pubblicazione sull’albo pretorio della delibera n.89, che la Giunta – assenti per essere usciti sul punto gli assessori Gori e Marziale – ha “sospeso” cautelativamente, su proposta del Sindaco, l’eseguibilità e l’esecutività della delibera 72 con la quale veniva individuata la Ieopa Srl quale advisor per la gara di riscossione coattiva e per la vendita di n.11 unità immobiliari.

Una sospensione necessaria – anche se per noi resta necessaria la revoca della delibera – dopo che l’ANAC, a seguito dell’esposto presentato dai consiglieri di opposizione, ha inviato una comunicazione all’Ente, nella quale afferma che “la espressa individuazione di un soggetto ben determinato – società IEOPA srlin un atto di indirizzo della Giunta comunale appare contrastante con i principi di imparzialità, parità di trattamento, trasparenza e concorrenza e che pertanto, al fine di valutare la sussistenza di margini di intervento da parte della scrivente Autorità si chiede al Comune di Frascati di rendere informazioni e chiarimenti a supporto della volontà espressa nella delibera 72 del 18.04.2019 di individuare direttamente l’Advisor cui affidare l’espletamento di procedure di gara, richiamando altresì i riferimenti normativi a sostegno di tale decisione”.

 

consorzio ro.maballico ilmamilio 190513E così anche l’Anac vuole vederci chiaro, dando ragione alle nostre perplessità sul “suggerimento” dell’advisor.

Stupisce, ma forse neanche troppo, la pervicacia con cui il Sindaco Mastrosanti e gli assessori Bruni, De Carli e Forlini difendono l’individuazione di Ieopa come advisor, tanto da non voler revocare la delibera 72 ma soltanto sospenderla. Una delibera scritta in modo frettoloso e male, che viola i principi fondamentali sia della PA che del TUEL. Una delibera disconosciuta dall’Assessore al Bilancio e Patrimonio, competente per materia, che subito dopo il nostro esposto ha preteso dal Segretario comunale una giustificazione che attestasse la sua assenza al voto del 18 aprile.

Volontà di non aver a che fare con un atto, evidentemente ritenuto illegittimo non solo da noi, che si è manifestata anche in occasione di quest’ultima delibera, quando – come si legge da verbale – gli assessori Gori e Marziale escono dall’aula prima della trattazione del punto.

giglio pazienza

 

 

 

 

 

 

 

Al di là dunque dell'atteggiamento grossolano e maldestro di questa Giunta relativamente all’individuazione dell’advisor, la cosa più grave è che questo tira e molla –  per difendere una delibera, la 72, che è indifendibile – sta di fatto rallentando, in maniera pericolosa, l’azione amministrativa che dovrebbe portare a quella vendita di immobili, ritenuta dai Revisori dei Conti elemento imprescindibile per il bilancio comunale. Una vendita che dovrebbe vedere l’aggiudicazione degli immobili a fine agosto e il relativo rogito a fine novembre. Siamo a fine maggio e il sindaco ancora “cincischia” sull’advisor. Perché non revocare la delibera 72 e procedere con un nuovo atto di indirizzo? È più importante affidare l'incarico a IEOPA che accelerare i tempi per rispettare le prescrizioni dei revisori?

Come consiglieri di opposizione abbiamo presentato una mozione, che sarà discussa nel Consiglio comunale di domani, per impegnare la Giunta a revocare la delibera 72, non solo perché riteniamo che sia una delibera illegittima ma anche perché i tempi dettati dai Revisori in merito all'impegno assunto dal consiglio comunale sono stringenti e questo tergiversare da parte del Sindaco e degli assessori rischia di rivelarsi fatale per Frascati e per i suoi cittadini.

balzoni190508