I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Porzio Catone: a 40 giorni dalle Elezioni mancano ancora i candidati. L'unico è Galati

MONTE PORZIO CATONE (politica) - Nel centrodestra sembra tutto pronto per il ritorno di Luciano Gori. Pd e centrosinistra (allargato) brancolano nel buio dopo il "no grazie" di Sergio Urilli

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

A 40 giorni dalla chiamata alle urne, a Monte Porzio Catone si brancola nel buio di una chiamata elettorale davvero sui generis. Mentre sta per completarsi il lavoro della commissaria straordinaria, raramente vista in pubblico e raramente tesa alla comunicazione, la scena politica locale non è mai stata così silenziosa.

Quando, come detto, mancano poco più di 10 giorni all'apertura ufficiale della campagna elettorale, l'unico candidato sindaco già formalmente in campo è il 5 stelle Andrea Galati.

Per il resto si rimane in attesa.

consorzio ro.ma

In casa del centrodestra il nome considerato scontato è quello dell'ex sindaco Luciano Gori, sconfitto a sorpresa nel 2014 da quell'Emanuele Pucci caduto poi qualche mese fa. Il centrodestra, naturale sostenitore di Gori, ha già dato prova e comunicazione di compattezza e questo lascia intendere che comunque la quadra sia stata già ampiamente raggiunta. Manca però l'ufficialità e questo lascia un'alea di incertezza inevitabile. Che alla fine possa spuntarla l'ex vicesindaco Massimo Pulcini?

albanoinLibro

Nel centrosinistra ci sono solo macerie. Quelle lasciate da una gestione complicatissima conclusa prima col dissesto finanziario e quindi con la fine anticipata dell'esperienza di Pucci caduto sull'affare del Pilozzo. Fine ingloriosa davvero.

Il nome sul quale per mesi ha tentato di lavorare un centrosinistra che sapeva comunque di dover compiere una vera impresa per riconquistare il Comune era quello di Sergio Urilli: lusingato ed oggettivamente interessato alla difficile missione, l'ex amato sindaco ed ex consigliere provinciale alla fine non se l'è sentita di ributtarsi nella mischia.

E ad oggi il centrosinistra, Pd per primo,è senza nome e senza squadra. Con chance ridotte al lumicino. Per forza di cose.