I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, il consiglio comunale ricorda Franco Fulgenzi: “Ha agito sempre nell’interesse della comunità”

GROTTAFERRATA (attualità) – Aula in piedi per l’ex amministratore

ilmamilio.it

Il consiglio comunale di Grottaferrata ha ricordato con commozione e parole di cordoglio, nel pomeriggio di oggi, Franco Fulgenzi, l'ex amministratore scomparso pochi giorni fa. Fulgenzi è stato ricordato da Paola Franzoso, consigliera comunale del PD, che ha letto un toccante ricordo della persona e del politico, da Rita Consoli, consigliera comunale di Città al Governo, da Piero Famiglietti, consigliere del M5S, e dal Vicesindaco Luciano Vergati.

Vergati, in particolar modo, ha voluto rammentare ai presenti le parole che pronunciò Peppino Impastato, vittima della mafia, ricordando l'attività professionale di Franco Fulgenzi all'interno del villaggio turistico di Città del Mare. “Il villaggio turistico di Città del Mare - scrisse Impastato - ha rappresentato un'isola felice nel territorio, perché quando venne inaugurato nel 1970 i proprietari-fondatori, che erano dell'Emilia Romagna e facevano parte della Lega delle Cooperative, hanno cercato di attualizzare l'articolo 41 della Costituzione italiana, laddove recita che «l'iniziative economica privata non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale». Alcuni di loro, come per esempio Franco Fulgenzi o Cinzio Zambelli, erano fieri e andavano giustamente orgogliosi di aver creato, in un territorio di mafia e di lavoro nero, una grossa struttura turistica che, oltre a mettere in moto nella zona vasti e sani interessi economici, dava la possibilità a più di trecento lavoratori di campare le proprie famiglie, messi in regola e nel rispetto delle leggi e del contratto nazionale di lavoro”.

consorzio ro.ma

Vergati ha concluso il suo intervento affermando: “Io lo ricordo come amico, come compagno di partito, collega amministratore: sempre calmo e misurato, ricordo le sue tenaci battaglie condotte assieme ad Anna, sua moglie, per la realizzazione del Parco degli Ulivi. Che la terra ti sia leggera”. Di seguito è stato rispettato un minuto di silenzio.

Sicuramente una bella testimonianza per ricordare un uomo che è stato omaggiato congiuntamente da tutte le forze politiche dell’assemblea e dai cittadini presenti.