I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Albano Laziale, si apre una voragine in Via Murialdo. Sgomberati 4 nuclei familiari

ALBANO LAZIALE (cronaca)- La strada interessata da numerose perdite di acqua nel corso del tempo. Ieri ha ceduto una conduttura

ilmamilio.it

Alle ore 22 di ieri i Vigili del fuoco di Marino e Nemi sono intervenuti nel Comune di Albano Laziale in Via Leonardo Murialdo, tra il civico 12 e il civico 14, per una voragine stradale. Sul posto in nottata si sono recati anche il Funzionario di Servizio e il Capo Turno Provinciale dei pompieri, la polizia locale di Albano e il sindaco Nicola Marini.

A seguito della grossa voragine causata su strada, causata dal sottosuolo vuoto e dalla rottura di una condotta idrica si constatava un dissesto statico degli edifici posti tra il civico 12 e 14. Il personale dei Vigili del fuoco provvedeva allo sgombero di quattro nuclei familiari (dieci persone) presenti nei fabbricanti che trovavano alloggio presso abitazioni private e alberghi messi a disposizione dal comune.

In mattinata  sul posto è stato effettuato un nuovo controllo dai tecnici del comune, due delle abitazioni sono state dichiarate agibili, mentre le due abitazioni ai civici 12 e 14 rimangono inagibili, sono abitate da due famiglie, una con bambino piccolo, ospitati ora a Pavona presso una struttura ricettiva.

Stamattina sul posto si è recato anche il vice sindaco e assessore ai lavori pubblici Maurizio Sementilli, una squadra della società Acea per ripristinare le tubazioni idriche danneggiate dalla frana, la polizia locale e due ingegneri del comune di Albano. La strada rimane interdetta al traffico in attesa dei lavori di consolidamento del sottosuolo che è sprofondato per alcuni metri. I pompieri di Marino e Nemi hanno lavorato sul posto dalle 22 di ieri sera alle 7 di questa mattina per aspirare l'acqua che era defluita dopo lo smottamento in alcuni locali e grotte della zona.