I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Il basket femminile del CUS Tor Vergata trionfa a Dubai, sbaragliata la concorrenza americana

Sport - il Centro Universitario Sportivo dell'Università di Tor Vergata si è imposto a Dubai, la soddisfazione del presidente Manuel Onorati

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

 Dal 3 al 7 aprile si è svolto a Dubai negli Emirati Arabi il primo torneo internazionale organizzato dalle università americane. A seguito degli ultimi risultati mondiali e il prestigio ottenuto il CUS Roma Tor Vergata si è aggiudicato la partecipazione.

Il team presentato dall'università romana è  quello del Basket femminile dove militano atlete di caratura nazionale. Giulia Fiorletta, Martina Chiesa, Arianna Sali, Giulia Iannone, Ilaria Salvagno, Eleonora De Carolis e Dana Gabuat sono le ragazze selezionate tra le oltre 40 candidature. Il team guidato dal coach Luca Vitali ha fin da subito dimostrato forza e capacità sia organizzativa che tattica, vani sono stati gli schieramenti americani nella fase a gironi, dove Tor Vergata ha ottenuto il secondo posto, dietro solo ai padroni di casa della AUD (American University in Dubai). Tuttavia proprio con gli americani locali si è disputata la finale del torneo che ha visto però trionfare il CUS Tor Vergata con un distacco significativo. Il forte attacco, la difesa ben schierata, un forte senso di appartenenza e una spiccata fiducia nei propri mezzi hanno condotto le ragazze a una performance incredibile.

 sfaccendati 190406 ilmamilio

Il Presidente del CUS Roma Tor Vergata, Manuel Onorati, che ha accompagnato le ragazze nel lungo viaggio, al termine della manifestazione ha commentato: “Non è mai facile vincere, tantissime volte ho perso finali giocando a calcio o semplicemente non ho giocato finali perché con la mia squadra non siamo stati capaci nemmeno di terminare il percorso. Non per incapacità sportiva, non per tasso tecnico inferiore o scarsa preparazione fisica: abbiamo perso solo perché avevamo paura di vincere. Ho visto ragazze che lottavano su ogni pallone, ho visto uno staff che le ha sempre sostenute. Abbiamo tutti perso la voce per tifare, me compreso. Tutti insieme a sostenere le nostre atlete, il CUS, e soprattutto ciò che vogliamo rappresentare nel mondo. Oggi abbiamo rappresentato 35 mila studenti a Dubai, oggi abbiamo vinto 35 mila medaglie d'oro. Oggi abbiamo conquistato Dubai, così come ieri avevamo conquistato per ben due volte il Belgio. Vorrei ricordare a tutti – ha aggiunto il presidente Manuel Onorati - che se oggi spendete il vostro tempo, le vostre risorse, la vostra passione e avete l'opportunità di rappresentare il vostro ateneo in ambito sportivo ed emozionarvi sia in negativo che in positivo, signori miei, lo dovete al CUS e alle persone che ogni giorno si sacrificano con orgoglio e fatica per la sua crescita, altrimenti non avreste potuto neppure farlo. Sono fiero e orgoglioso di voi e di tutti gli atleti come voi”.

Chiuso il capitolo dedicato al basket femminile a Dubai il CUS Roma Tor Vergata si  appresta a competere prima a Barcellona con il calcio a 5 maschile poi ad Anversa con il volley femminile e maschile. Il Centro Universitario Sportivo è pronto a intraprendere nuove avventure.