I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

La Civitas Tusculana spinge per il museo di Frascati

FRASCATI (attualità) - Una lunga nota per sollecitare l'Amministrazione comunale

ilmamilio.it

Dall'associazione Civitas Tusculana, riceviamo e pubblichiamo.

"Egregio direttore,

quasi un anno e mezzo è passato da quando abbiamo presentato al sindaco ed all’assessore competente, in prima fase come una idea da programmare e poi come progetto reale consegnato, la proposta della realizzazione del “Museo di Frascati”, che in parte abbiamo iniziato a predisporre.

In qualsiasi paese si vada in Italia, anche il più piccolo, esiste un museo del paese stesso o qualcosa in cui i cittadini si riconoscono o identifichino se stessi ed i loro drammi od orgogli. Non c’è bisogno di fare esempi visto quanti ce ne sono dappertutto anche nei paesi vicini, …tranne a Frascati.

In un periodo di scarse disponibilità economiche da investire su progetti simili, da parte pubblica, l’idea è quella di realizzare un percorso, partendo dalla sezione dedicata alla Seconda guerra mondiale a causa della quale Frascati fu fortemente e profondamente dilaniata nel suo tessuto urbano, sociale e morale.

consorzio ro.ma

L’iniziativa prese corpo dopo la presentazione del libro: Frascati… vittima di uno sporco affare, del suo 1° supplemento ed è proseguita con la 1^ mostra effettuata in piazza San Pietro l’8 settembre 2017 e poi con quella, prorogata tre volte per un mese intero, nel 2018 su iniziativa dell’Associzione Civitas Tusculana con, inoltre, la ulteriore pubblicazione di una monografia specifica intitolata: i gemelli di Frascati.

La raccolta dei cimeli ormai ha raggiunto livelli importanti e moltissimi cittadini (oltre centocinquanta) hanno già contribuito a consegnarci e farci catalogare oltre settecento pezzi messi a nostra disposizione, di cui alcuni veramente unici, a detta degli esperti e visitatori che l’hanno apprezzata e che hanno riempito un libro di ben oltre 1000 firme tra le quali moltissime con commenti lusinghieri e commoventi.

La ricerca è ovviamente continuata e ci ha permesso di scoprire ulteriori notizie. Elementi nuovi molto importanti, sulla presenza dei soldati alleati tedeschi a Frascati e di quelli angloamericani giunti dopo l’armistizio, notizie che forniscono spunti assai preziosi per vari, nuovi ed importanti rilievi storici documentati e da rendere noti, e quindi non solo espositivi e testimoniano come l’idea sia valida e funzioni.

petra fiera 2019

Invero l’amministrazione comunale con delibera n° 12 del 19 gennaio 2018 ci aveva concesso due locali in via del Castello per questa iniziativa, ma poi non ha fatto nulla per consentirne la loro disponibilità vera e permetterci di far affluire ulteriore e maggiore quantità di materiale documentario, fotografico e di cimeli e reperti da esporre, perdendo anche l’occasione di inaugurarvi, comunque, questa sezione già in occasione del 75° anniversario del primo bombardamento. Fino ad oggi tutto è stato finanziato in prevalenza da sponsor privati e dai ricavi delle vendite delle pubblicazioni di cui sopra, mentre alcuni finanziamenti promessi da altri sponsor non ci sono stati più concessi proprio per la impossibilità di dimostrare la disponibilità dei locali.

scuolePie locandina 190314 ilmamilioStiamo comunque raccogliendo anche molto materiale che riguarda le altre sezioni del progetto che sono: l’arrivo della ferrovia pontificia, il risorgimento, l’industrializzazione del vino, il carnevale, la prima guerra mondiale, il ventennio, la seconda guerra mondiale, la ricostruzione e la città della scienza. Un percorso che è possibile ancora effettuare, ovviamente per ora occupandosi solo della ricerca, raccolta e della catalogazione e descrizione di tutto quello che è reperibile e donato prevalentemente dai nostri concittadini. Ci sarebbe, ad ora, materiale a sufficienza per raccontare la storia moderna di Frascati nelle sue “eccellenze” degli ultimi 150 anni con la possibilità di ricordare fatti, gioie e dolori, personaggi, celebrità di ogni tipo e accadimenti importanti e curiosi di vita sociale e collettiva, dallo sport alla vita religiosa e civile, dalle scienze alle arti, etc. etc. Costruire una sorta di “hall of fame” di tutto quello che Frascati ha subito, avuto, ottenuto e valorizzato grazie alla capacità degli uomini e donne illustri o capaci che sono qui nati o si sono trasferiti o solo passati per circostanze e periodi particolari con filmati didattici e conferenze tematiche per tutti e tutte le generazioni.

Uno specchio del passato più recente su cui fare riflessioni, elogi, commenti e fornire contributi da parte di tutti: cultori di storia, di arte, di curiosità, di attività non più esistenti o meno e di qualsivoglia meritorio ricordo che consenta e giustifiche la composizione di un “diario” completo della storia della città …messo a sua disposizione, dei cittadini, dei turisti e degli appassionati.

Ci giungono sollecitazioni di persone disposte anche a fornire contributi economici sostanziosi per questo progetto che riteniamo non debba essere accantonato e quindi non solo valide collaborazioni.

Realizzarlo vorrebbe dire partecipare alla ricostruzione iconografica della nostra storia, di cui certo Frascati non deve vergognarsi ed anzi, facendola tutti insieme, sarebbe l’occasione di dimostrare unità, coinvolgimento, passione, capacità e tanto volontariato, sempre utile e necessario, come quello concretizzato fino ad ora in questa prima fase dell’iniziativa almeno su qualcosa di comune a tutti.

A lei, signor direttore, sollecitiamo la disponibilità a darci spazio nel suo giornale per diffondere il progetto, partecipare con noi alle iniziative, fornire informazione sugli sviluppi e raccogliere anche le proposte di coinvolgimento. Siamo fiduciosi che la sensibilità sua e quella dimostrata dai frascatani nel contribuire alla realizzazione della prima sezione, ormai più che ben avviata, proseguirà con lo stesso entusiasmo e intanto la ringraziamo per l’ospitalità concessaci restando a sua disposizione per approfondimenti e precisazioni che potremo fornire, ai suoi lettori, successivamente.

                 Il Consiglio direttivo e Comitato tecnico della Associazione Civitas Tusculana".

mercatino grottaferrata ilmamilio

Commenti   

0 #1 Susanna Dolci 2019-03-25 08:01
Non capisco quale possa il problema nel realizzare un'iniziativa che porterebbe lustro alla cittadina, rispetto per la sua memoria storica e per i cittadini... Realizzata da persone competenti... Non capisco... Ma d'altronde non è l'unica "res" locale poco comprensibile....
Susanna Dolci
Citazione