Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

PD Genzano: “La maggioranza politica non c’è più, Lorenzon si dimetta”

GENZANO (politica) - Il partito prende posizione netta dopo gli ultimi fatti in consiglio comunale

ilmamilio.it

“Il grottesco teatrino attorno alla elezione del nuovo Presidente del Consiglio Comunale messo in scena dal Movimento Cinque Stelle di Genzano, oltre a dimostrare l’analfabetismo istituzionale del governo cittadino, è la plastica rappresentazione dello sfaldamento politico della maggioranza che aveva vinto nel 2016. Il tratto distintivo della giunta a Cinque Stelle infatti, non è il cambiamento promesso, ma la litigiosità e le spaccature interne. Sin dall’insediamento dell’amministrazione Lorenzon assistiamo ad un perenne conflitto che ha determinato, unitamente ad una totale incompetenza gestionale, la paralisi in tutte le scelte politiche ed il totale isolamento istituzionale per la nostra città. Da subito la frattura con il loro riferimento parlamentare, quindi le costanti divergenze tra il gruppo consiliare e la giunta, che hanno portato all’avvicendamento di tre Vice Sindaco, all’azzeramento di un’intera giunta, fino ad arrivare all’abbandono del Presidente del Consiglio Comunale ed alla farsa di questi ultimi giorni. Il fatto che siano riusciti ad eleggere a fatica il sostituto del Presidente D’Amico, nulla toglie all’inoppugnabilità del dato politico che segna la fine di questa maggioranza, che si regge a stento su un misero elemento matematico.

consorzio ro.ma

Nonostante le cortine fumogene che dal palazzo tentano di non far sapere ai cittadini la realtà delle cose, è chiaro a tutti che anche le motivazioni che hanno spinto D’Amico alle dimissioni sono squisitamente politiche, in disaccordo con la maggioranza di cui fa o faceva parte. Così come i malumori crescenti tra gli eletti difficilmente potranno restare sopiti a lungo o nascosti dietro qualche assenza strategica, perché sono radicati nelle contraddizioni di chi ha vinto sulla base di un progetto politico fallimentare quale quello del M5S. Stante così le cose, chiediamo al Sindaco Lorenzon, di risparmiare a lui ed ai cittadini di Genzano la lunga agonia di una città in piena crisi economica, sociale e culturale, oltre ad altri spettacoli istituzionalmente indecorosi come l’ultimo consiglio comunale e rassegnare le dimissioni per ridare la parola ai cittadini sovrani, di cui pare si sia dimenticato una volta varcata la soglia del palazzo municipale”.

Così in una nota il Circolo del Partito Democratico di Genzano.

petra fiera 2019