I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Asp Ciampino, Addessi replica ad Abbondati: "Menti sapendo di mentire"

CIAMPINO (politica) - Secca replica del consigiere di maggioranza alle accuse del collega

ilmamilio.it

Dal consigliere comunale Elio Addessi sulla Asp in risposta a Guglielmo Abbondati riceviamo e pubblichiamo.

"Caro Guglielmo, ho letto attentamente il tuo comunicato, ma oltre al fatto di annunciare che sei rientrato dalle ferie e dire che sei ritornato come si dice sul pezzo non leggo altro (LEGGI l'articolo di ieri).

Riporti da trascrizione (oltretutto di pubblico dominio) le dichiarazioni rese dal sindaco Giovanni Terzulli nel consiglio Comunale del 29 dicembre 2016, Consiglio comunale molto acceso dove ognuno di noi ha messo in risalto le proprie posizioni, quella dei quattro no (rappresentanti due gruppi su sei di quelli all’epoca collocati allopposizione) era chiudere l’esperienza ASP mandare i libri contabili in tribunale, fregandosene di tutto e di tutti senza magari riflettere sulle drammatiche conseguenze per i dipendenti dell’Azienda ASP, dell’ente Comune e degli strascichi legali ed economici che il comune avrebbe subito.

La posizione dei 17 voti SI, e voglio ricordare fu espressa anche dall’intera maggioranza unita a quella di TRE gruppi di opposizione, fu un voto di responsabilità un voto ponderato, un voto di fiducia ai dipendenti, all’Azienda ASP tutta, consapevoli delle grosse difficoltà espresse dal piano industriale.

Ricordiamo tutti le dichiarazioni del Sindaco che disse “Tra sei mesi ci rivediamo qui e se gli obiettivi di piano non sono stati rispettati noi l’azienda non possiamo far altro che metterla in liquidazione, perché se noi ogni anno continuiamo a perdere, perdiamo i nostri soldi e quindi da questo punto di vista non c’è scelta, non c’è alternativa e noi su questo andiamo avanti”.

Dichiarazione ovvia e responsabile, purtroppo non si possono prevedere soluzioni diverse se non mantenere la linea del risanamento Aziendale dove tutti NOI dobbiamo sentirci coinvolti per poter salvare il lavoro ad oltre 200 capi famiglia e salvare una nostra azienda che negli anni passati durante le varie gestioni che hanno visto coinvolti molti gruppi politici abbiamo sbandierato come un FIORE all’occhiello.

Quindi dire “Queste le parole pronunciate solennemente dal Sindaco Terzulli nella seduta di Consiglio comunale del 29 dicembre scorso” non capisco la SOLENNITÀ  di una cosa OVVIA
Guglielmo fai bene a ricordare che la ricapitalizzazione della partecipata comunale per 2,17 milioni di euro passò al  voto finale con 17 voti favorevoli e 4 contrari.

Guglielmo lanci un allarme dicendo “Ora di mesi ne sono trascorsi 8 – l’ASP ha continuato a perdere, 923mila euro nel 2016; GUGLIELMO LO SAPEVAMO GIÀ COMPRENSIVO NEL VOTO DEL 29 DICEMBRE 2017 per quanto riguarda i 116mila euro raggiunti nei primi quattro mesi di quest’anno, se non  erro è tutto  in linea  con gli obiettivi di Piano .
Per quanto riguarda il rispetto degli obiettivi di piano industriale il Sindaco e L’Amministrazione tutta stanno lavorando per la costituzione della nuova Azienda Speciale come dettato da piano.

Giustamente da accanito oppositore da meno di un anno vuoi mettere in risalto che il Sindaco a quel solenne impegno non ha dato seguito e non ha portato nessuna verifica in Consiglio comunale, anche qui menti sapendo di mentire, ma è il tuo giusto e meritato ruolo di OPPOSITORE, le avrei firmate  anche io dalla tua parte queste dichiarazioni, Però tu sai perché sei uno dei pochi oppositori presenti  nelle commissioni a meno di qualche settimana di ferie, che tutto il pacchetto sull’azienda Speciale con qualche correttivo dettato dal piano industriale doveva essere all’ordine del giorno del 3 agosto 2017 ma che è  stato Provvisoriamente sospeso da un parere non positivo dei revisori, che hanno chiesto alcuni chiarimenti.  Giustamente chiedi coerenza al Sindaco.

Ma la coerenza vuole che con coerenza si raccontino i fatti nella realtà dei fatti senza lanciare allarmismi precostituiti per chiedere coerenza di azioni al Sindaco.  Il Sindaco ha una sua maggioranza che lo supporta e che sicuramente è  in grado con COERENZA di  decidere ogni volta per il bene delle Aziende e del personale che ogni giorno si sente minato nella sicurezza professionale molte volte da allarmismi impropri".