I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Compatri, D'Acuti: "Muro Via Rosmini, intervento nel 2020. Il PD pensi al dissesto dei comuni che ha amministrato"

MONTE COMPATRI (politica) - Il sindaco interviene sulla vicenda

ilmamilio.it

“Amministrare è una cosa seria. Un verbo che si traduce con programmazione, quello che abbiamo fatto per il muro di via Rosmini: il manufatto è in sicurezza, la proprietà è anche di privati. Cosa che i membri dell’opposizione dimenticano sistematicamente di ricordare. Invitandoci a delle spese pazze, come hanno fatto nei Comuni amministrati dal Pd che ha portato gli Enti Locali al dissesto finanziario”, lo dichiara il sindaco di Monte Compatri, Fabio D’Acuti.

“Capisco che per dimostrare la loro esistenza in vita politica debbano aggrapparsi a tutto, la fotografia che questa mattina li ritraeva con uno striscione, su cui hanno omesso anche il logo del loro partito (di cui evidentemente si vergognano), lo dimostra”, aggiunge D’Acuti.

“Come ho già spiegato, l’intervento è programmato nel 2020 ed è inserito nel Documento unico di programmazione approvato dal Consiglio comunale lo scorso dicembre. L’intenzione dell’amministrazione comunale è quella di convocare i proprietari del muro di via Rosmini per cercare un accordo sui lavori e sulla ripartizione delle spese che ammontano, da una analisi preliminare, a circa 200mila euro. In caso di mancata quadratura del cerchio, procederemo con la richiesta di un mutuo, l’avvio dei lavori e la richiesta di rifusione dei costi sostenuti per ristrutturare il manufatto”, conclude il sindaco Fabio D’Acuti.

umbriaesemble