I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, il sindaco Mastrosanti difende il convegno pro-life: "Ognuno ha diritto di manifestare le sue idee"

FRASCATI (politica) - Il primo cittadino si appella all'articolo 21 della Costituzione

ilmamilio.it

Dal sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti riceviamo e pubblichiamo.

"Egregio direttore,

vorrei entrare in merito al dibattito che si è acceso su questa testata, non tanto sulla Legge 194, sui suoi contenuti e sulla bontà o meno di una legge che ha cambiato la società italiana, ma sull’opportunità di ospitare un convegno nelle sale comunali di Palazzo Marconi, promosso dal Movimento per la vita di Frascati.

La Costituzione Italiana all’articolo 21, al primo capoverso, dice: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione», assegnando in questo modo a tutti i cittadini il diritto inalienabile di esprimere le proprie posizioni.

petra frascati 1809Avendo quindi fisso in mente questo principio, sono convinto che le sale comunali possano e debbano essere concesse ad ogni associazione che voglia alimentare un dibattito su temi che investono e riguardano la vita dei cittadini e che interessano ai cittadini. L’unica discriminante è che queste iniziative non devono avere finalità politiche.

LEGGI Frascati: convegno sport, incontro pro-life, revisori. Al povero Mastrosanti non ne va dritta una. Ma sempre zitti zitti...

Sono un convinto democratico e penso che le idee debbano essere contrastate con altre idee, migliori e convincenti, non con le coercizioni, le chiusure, i divieti, le minacce. Ogni posizione deve avere la possibilità di essere espressa e dibattuta, contrastata anche con forza se necessario, ma sempre con le armi della logica, del dialogo, dell’ascolto delle posizioni differenti.

Il convegno di sabato scorso ha accolto le posizioni di alcune Associazioni Pro Life. Non entro in merito di quanto espresso e sostenuto. Personalmente potrei anche non essere d'accordo con alcune posizioni, ma da Sindaco, da Amministratore e da democratico sono convinto della necessità di ospitare anche questo tipo di iniziative, perché una società cresce, si sviluppa e si arricchisce attraverso la sintesi di punti di vista differenti, anche lontani dal proprio modo di vedere.

carne fresca

Ogni 8 Settembre, 25 Aprile, IV Novembre celebriamo e ricordiamo la riconquista delle libertà individuali in Italia con discorsi, eventi e convegni e poi, quando dovremmo concedere l’esercizio di quelle libertà a idee lontane dal nostro modo di vivere e sentire la vita, ci dovremmo comportare da illiberali? Questo è davvero difficile da spiegare.

Le Sale comunali saranno aperte e accoglieranno i convegni di coloro che vorranno discutere dei contenuti della Legge 194, dei dati e dei numeri, del successo e delle conquiste che tale legge ha avuto nella società italiana, così come saranno aperte a coloro che sulla Legge hanno punti di vista differenti o che magari pensano che debba essere migliorata o integrata.

scuole pie frascati 190122Le sale comunali sono a disposizione della società civile e dell’Associazionismo; sono a disposizione dei cittadini e sono a disposizione di tutti coloro che vogliono alimentare un dibattito ideale, civile e democratico. Discutere di contenuti, anche forti, fa bene, fa crescere ed è sempre meglio che urlare in solitudine attraverso i social. Non sono aperte a iniziative di partito e politiche tout court.

Infine vorrei far notare a chi accusa questa Amministrazione di voler cambiare la Legge 194, che è insensato quanto sta dicendo, semplicemente perché non è prerogativa di noi Sindaci cambiare una Legge dello Stato!