I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati: convegno sport, incontro pro-life, revisori. Al povero Mastrosanti non ne va dritta una. Ma sempre zitti zitti...

mastrosanti8 frascati ilmamilioFRASCATI (politica) - Quella di 19 gennaio 2019 resterà una data cerchiata in rosso sull'agenda amministrativa dell'attuale maggioranza. Tutti contro tutti

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

E niente: al povero sindaco Mastrosanti non ne va dritta una di questi tempi. Diciamo anzi che l'ultimo fine settimana gli ha provocato più grattacapi che glorie.

Peccato solo che, nel puro stile adottato dal sindaco e dalla larghissima parte della sua maggioranza, non esterni nulla. Non spieghi nulla, non si esponga su nulla.

Zero.

Quella di sabato 19 gennaio 2019 resterà piuttosto una data cerchiata in rosso.

carne fresca

Al mattino ecco il pasticciaccio del convegno sullo sport organizzato (alla chetichella?) dall'assessore alla Cultura Emanuela Bruni e dal (forse) delegato esterno Giampiero Cacciato alle Scuderie Aldobrandini. Un convegno del quale si dice che non abbia radunato truppe cammellate (ma come sempre in questo caso mancano foto della Sala, davvero strano viene da dire) ma che ha creato parecchia maretta in seno alla maggioranza.

Senza entrare nel merito del convegno, che non interessa in questa sede e sul cui oggettivo valore non si vuole assolutamente discutere, il battibecco social tra la Bruni e l'assessore allo Sport Claudio Marziale si è fatto gustare. Tanto che lo stesso esponente della Giunta, con piena legittimità e decisamente dalla parte del giusto, ha voluto ribadire quanto già espresso alla collega in un comunicato stampa (LEGGI  Frascati, la precisazione di Claudio Marziale: "L'assessore allo Sport sono io". Il sindaco? In silenzio.

petra frascati 1809Il meglio è però arrivato nel pomeriggio quando ben due delegati del sindaco, Massimo Gazzaneo (rapporti con Curia e Volontariato) e Francesco Cammareri (Sanità) hanno organizzato un convegno "pro-vita" che ha portato Frascati alle cronache nazionali (e dai...) non solo per l'irruzione delle attiviste di "Non una di meno" ma anche per l'intervento i 2 senatori Emanuele Dessì e Bruno Astorre (per una volta sulla stessa sponda del fiume, un altro piccolo capolavoro degli organizzatori dell'incontro in Sala Specchi) e di numerosi altri esponenti politici (LEGGI Convegno pro-vita: le reazioni e le polemiche).

Gazzaneo, punzecchiato di qua e di là, ieri ha scritto stizzito su Facebook "Avendo titolo, capacità e libertà di analisi per trattare tematiche e questioni che richiedono sensibilità e rispetto, senza strumentalizzarle e quindi suscitare "letteralmente schifo", mi piacerebbe leggere commenti (di ogni tipo) anche sull'istituzione di una culla per la vita per neonati abbandonati. Grazie", con evidente riferimento all'attacco giunto ieri dal senatore 5 stelle Dessì. E sarebbe curioso sapere cosa pensano di questo illuminante convegno i vari Roberto e Matteo Angelantoni, Franco D'Uffizi, Paola Gizzi, Giancarlo Giombetti e via dicendo.

Siamo al tutti contro tutti ed il sindaco Mastrosanti? Anche in questo caso in silenzio, verrebbe da dire religioso silenzio.

scuole pie frascati 190122Non fossero bastati questi due eventi, ecco la relazione interlocutoria con la quale l'Organo di revisione del Comune di Frascati ha "rimandato" il Bilancio consolidato 2017 (LEGGI Frascati, i revisori "stoppano" il Consolidato 2017: "Manca documentazione, impossibile verificare i conti"). In questo caso a spezzare una lancia in favore del lavoro dell'Amministrazione è stato ieri sera Mario Gori al quale va dato decisamente atto di averci messo la faccia. Merce rarissima.

Il sindaco? In silenzio, nulla. Evidentemente si tratta di questioni secondarie, che non richiedono di essere spiegate. Esattamente come la buffonata della modifica alla viabilità della via Tuscolana o i 7 mesi di stop del campo sportivo "8 settembre". O il disastro della Ztl.

Il motto a palazzo Marconi è sempre lo stesso, da un anno e mezzo a questa parte (ma anche prima non si scherzava): zitti zitti, per usare l'espressione che Danny De Vito nei panni di Sid Hudgens utilizzava nel capolavoro di "L.A. Confidential" (1997, regia Curtis Hanson). Zitti zitti, stavolta manco gli ultrà parlano. Manco quelli che hanno organizzato un altro evento a "grandissima partecipazione" (eufemismo, a scanso di equivoci) nonostante patrocinio e comunicato stampa ufficiale.

Già, "L.A. Confidential": ma in campo c'erano tutti insieme a De Vito anche Kevin Spacey, Russell Crowe Kim Basinger e Guy Pearce. Quella sì una vera squadra di fuoriclasse.