I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, Marco Lonzi risponde a Fiasco: "La politica è questione seria, fatta anche di dialogo e crescita"

FRASCATI (politica) - Il consigliere di maggioranza replica alle accuse del collega di opposizione dopo l'incontro con Aurigemma

ilmamilio.it

Dal consigliere comunale Marco Lonzi riceviamo e pubblichiamo.

"Gentile direttore,                                            

le chiedo di concedermi un piccolo spazio per rispondere a quanto apparso sul giornale da Lei diretto e a quanto rilevato nei miei confronti dal consigliere Mirko Fiasco nelle scorse ore.

Per abitudine e convinzione non intervengo in polemiche “social” perché ritengo che troppo spesso tali strumenti, utili per alcuni versi, rischiano di trasformarsi spesso in mezzi potenzialmente e concretamente dannosi laddove i fruitori ritengano di poter così diffondere informazioni sommarie, superficiali e non vere.

Bcc Castelli Romani Tuscolo

Lo scorso martedì si è tenuto un incontro amichevole con il consigliere regionale Antonello Aurigemma al quale ho inteso partecipare con piacere e che si è concluso con il momento conviviale di cui Lei stesso ha parlato.

Ho accolto con favore l’iniziativa, consapevole che la politica è un’attività seria, che impone lo scambio, il dialogo, la conoscenza; che richiede partecipazione impegno e crescita.

L’esperienza civica cui sto partecipando con convinzione non comporta in alcun modo l’inibizione del dialogo e della collaborazione con le altre forze politiche perché ciò non costituisce ostacolo al buon andamento del contesto cittadino.

petra frascati 1809

Ritengo anzi che il confronto costante con i rappresentanti di Enti diversi da quello comunale possa costituire una opportunità in termini di crescita personale e soprattutto amministrativa.

Queste premesse mi portano a definire poco perspicace la conclusione secondo la quale al citato incontro avrebbe dovuto far seguito una mozione di sfiducia al Sindaco Roberto Mastrosanti, paventata da chi sembra terrorizzato dall’idea di perdere o dover rinunciare all’utilizzo, probabilmente legittimo ma tuttavia improprio, di simboli di partiti politici strumentalizzando gli stessi ai limiti del personalismo anche laddove i risultati nel corso degli anni hanno dimostrato che le aspettative dei cittadini sono altre.

Invito l’amico Fiasco a rivalutare primo fra tutti il concetto di aggregazione, lo incito ad abbandonare l’approccio sospettoso che ultimamente caratterizza i suoi interventi. E soprattutto ad evitare attacchi personali nei confronti di chi, come me, attualmente non è iscritto ad alcun partito".

carne fresca