I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino, alle 11.30 atteso l’aereo che sta riportando Cesare Battisti in Italia. “Sconterà l’ergastolo”

Risultati immagini per cesare battistiCIAMPINO (cronaca) – All’aeroporto anche Salvini e Bonafede Una latitanza durata quasi 40 anni. La prima rapina a Frascati

ilmamilio.it

E’ atteso per le 11.30 l’arrivo dell’aereo che sta riportando in Italia l’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, Cesare Battisti. Il volo è partito ieri sera dalla Bolivia. Battisti è stato arrestato due giorni fa dall'Interpol. Sarà preso in consegna dal Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria e tradotto al carcere di Rebibbia a Roma. Ad attendere il suo arrivo ci saranno anche Salvini e Bonafede. "Sconterà l'ergastolo", assicura il ministro della Giustizia.

Battisti è stato arrestato alle 17 di sabato (le 22 in Italia). Camminava in una strada di Santa Cruz de La Sierra, nell'entroterra boliviano. La svolta da intercettazioni nelle indagini coordinate dalla procura generale di Milano.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte: 'Finalmente giustizia per le famiglie, un risultato atteso da 40 anni' .

L'ex terrorista dei Pac, i Proletari armati per il comunismo, è stato condannato per quattro omicidi, due commessi materialmente, due in concorso: quello del maresciallo degli agenti di custodia Antonio Santoro, ucciso a Udine il 6 giugno 1978, quello del gioielliere Pierluigi Torregiani e del commerciante Lino Sabbadin, uccisi entrambi da gruppi dei Pac il 16 febbraio 1979, il primo a Milano e il secondo a Mestre; e quello dell'agente della Digos Andrea Campagna, assassinato a Milano il 19 aprile 1978.

carne fresca

Nato a Cisterna di Latina il 18 dicembre 1954, nei primi anni '70 abbandona la scuola e inizia la carriera criminale. Nel 1972 il primo arresto per una rapina a Frascati e due anni dopo per rapina con sequestro di persona a Sabaudia. Nel '76 si trasferisce a Milano e partecipa a varie azioni criminali. Viene arrestato di nuovo, sempre per rapina, e rinchiuso nel carcere di Udine dove conosce Arrigo Cavallina, ideologo dei Pac. In questi anni partecipa alle azioni del gruppo eversivo, che gli costeranno un'altra volta la libertà. Nell'ambito del processo per l'omicidio Torregiani viene condannato nel '79 a 13 anni e 5 mesi: detenuto nel carcere di Frosinone, nel 1981 evade grazie ad un assalto dei terroristi. Nell'85 la Giustizia lo condanna in contumacia all'ergastolo per vari reati legati alla lotta armata e per i quattro omicidi.

Inizia la lunga latitanza. Messico, Francia, sotto lo scudo della 'dottrina Mitterand' che si mostra morbida con terroristi latitanti. Poi il Brasile, dove si sposerà e avrà tre figli. E' stato protetto dai governi Lula e Rousseff. Jair Bolsonaro, esponente dell'ultradestra, già in campagna elettorale, aveva promesso di estradare immediatamente Battisti appena eletto. Il 13 dicembre il magistrato del Supremo Tribunale Federale (Stf) ha ordinato l'arresto dell'ex terrorista per "pericolo di fuga". Battisti fugge ancora. Va in Bolivia, fino all'epilogo delle scorse ore.