I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monachesi sul Decreto Sicurezza: “Mi associo a chi chiede tavolo di confronto Governo-Anci per rivedere riforma Sprar”

Risultati immagini per monachesi castel  gandolfoCASTEL GANDOLFO (attualità) – Proseguono le prese di posizione dei primi cittadini

ilmamilio.it

"Il Decreto "Sicurezza" rischia di creare in realtà maggiore insicurezza soprattutto per quanto riguarda il problema migranti. Rifiutarsi di affrontare un problema (perchè il problema esiste ed è molto serio) non lo risolve, ma lo amplia. Sgombrare un palazzo è un gesto di grande effetto, ma quelle persone non si sono certo volatizzate. Ci siamo chiesti oggi dove sono quelle persone e cosa fanno?

carne fresca Con questo decreto i Comuni si troveranno ad affrontare, senza avere le risorse per farlo, gli ingenti costi e i problemi sociali di tante persone vulnerabili abbandonate a loro stesse. È davvero questo che si vuole? Un sindaco ha il dovere di far rispettare la legge, ma ha anche il dovere di difendere i diritti umanitari che la nostra Costituzione garantisce a tutte le persone, senza distinzione di razza, sesso o religione.

Per questo mi associo ai tanti sindaci che in queste ore stanno chiedendo a gran voce la costituzione di un tavolo di confronto tra il governo e l'Anci (associazione nazionale comuni italiani) per rivedere la riforma del sistema SPRAR (Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati)".

Così il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi