I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Porzio Catone: concesso il permesso di costruire per il "centro commerciale" del Pilozzo

MONTE PORZIO CATONE (attualità) - Un progetto che un mese fa ha portato alla caduta dell'Amministrazione Pucci. Cubature per oltre 13mila metri cubi e da 2800 metri quadri: 3 gli esercizi commerciali previsti

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Con atto protocollato ieri, 17 dicembre 2018, al numero 19107, il responsabile dell'Area tecnica del Comune di Monte Porzio Catone ha firmato il "Permesso di costruire" numero 7/2018 per il progetto di "Realizzazione di edificio ad uso commerciale" in località Pilozzo.

Bcc Castelli Romani Tuscolo

Il permesso, per attività "comportante trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio", è stato concesso alle società "Pilozzo Srl" e "Cantine Colli di Catone" a seguito della domanda pervenuta lo scorso 22 febbraio 2017.

Su questo progetto, osteggiato dal Pd locale, come noto poche settimane fa è caduta l'Amministrazione comunale del sindaco Emanuele Pucci. Ora, a quanto si apprende col Comune retto dalla commissaria straordinaria Maria Paola Suppa (LEGGI Monte Porzio Catone: nominato il commissario straordinario, il viceprefetto aggiunto Maria Paola Suppa), l'iter burocratico continua a fare il suo corso.

sfaccendati181218magico natale2018L'intervento in oggetto, descritto nel permesso di costruire concesso e dettagliato nelle tavole progettuali, prevede - previa demolizione di quanto esistente (il vivaio del Pilozzo) - la realizzazione di un manufatto con cubatura totale di 13.123 metri cubi, per uno sviluppo superficiale di oltre 2800 metri quadri, disposti su due livelli: il piano terra comprenderà due attività commerciali, mentre il piano interrato comprenderà una sola attività commerciale (l'ipermercato?).

Tra le prescrizioni, oltre alla demolizione di quanto oggi presenti in quell'area, anche l'indispensabile autorizzazione sismica prima della cantierizzazione dell'intervento.

L'area interessata all'oggetto, a quanto si apprende, sarebbe libera da ulteriori vincoli e non rientra nel perimetro del Parco dei Castelli romani. Il progetto ha ottenuto il via libera della Regione Lazio e, sul piano della viabilità, da parte della Città metropolitana.

petra frascati 1809carne fresca