I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Marino, Ambrogiani(PD): “Territorio abbandonato dalla giunta Colizza”.

 

MARINO (attualità) - Il consigliere a tutto campo

ilmamilio.it

E' un Sergio Ambrogiani a tutto campo, quello che alla fine dell'anno solare tira le somme sull'operato comunale. Il segretario del Pd Marino boccia su tutta la linea sindaco Colizza e compagni e critica il senatore M5S Dessì: “Sento in queste ore senatori grillini, che per anni hanno abitato in alloggi popolari a prezzi stracciati, lodare l'autorevole operato dell'amministrazione comunale di Marino. Siamo contenti che gli echi di una città bella arrivino al di fuori dei nostri confini territoriali: peccato che chi vive a Marino non la pensi propriamente così”. Ambrogiani porta un esempio concreto: “Sono davvero tante le segnalazioni di degrado e abbandono che giungono dalle nostre comunità grandi e piccole: strade dissestate, buche sull'asfalto, differenziata a singhiozzo, oasi di immondizie a cielo aperto, parchi nell'incuria.

carne fresca

E' soprattutto questa la realtà di quella che una volta veniva chiamata la pianura di Marino, dove insistono Santa Maria delle Mole, Frattocchie, Cava dei Selci, Due Santi, Castelluccia e Fontana Sala”. Poi la sentenza dell'esponente dem: “La verità è che, in questi due anni, il governo grillino del sindaco Colizza non ha inciso per nulla sul rilancio e sullo sviluppo delle ex circoscrizioni, nonostante avesse tutti gli strumenti e le risorse economiche per riuscirci. Ma, siccome la speranza è l'ultima a morire, siamo sicuri che Palazzo Colonna si ravvederà e donerà la giusta attenzione istituzionale e amministrativa al nostro territorio. In questo senso – chiosa Ambrogiani -, il Partito Democratico continuerà nella sua azione di stretto controllo dell'operato comunale e ad essere difensore delle istanze delle famiglie del nostro Comune”.

sfaccendati 181212