I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, Fiasco: "Negli impianti sportivi comunali saune e società morose. Che fa l'Amministrazione?"

FRASCATI (politica) - Nell'ultima diretta Facebook il consigliere comunale di opposizione ha sparato due vere bombe che riguardano lo sport cittadino

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Dopo la diretta Facebook da parte del consigliere comunale di Frascati Mirko Fiasco, riguardante gli impianti sportivi della comunità frascatana, la maggioranza già indebolita dalle uscite dei consiglieri comunali Damiano Cimmino e Roberto Gherardi, (LEGGI Anche "Viva Frascati" con Gherardi De Candei lascia la maggioranza. Sotto accusa il "cerchio magico") dovrà affrontare il tema impianti sportivi
Bcc Castelli Romani Tuscolo
Nella diretta Facebook, il consigliere comunale ha dichiarato di aver effettuato un sopralluogo presso il palazzetto dello Sport di Vermicino insieme al responsabile del settore Patrimonio della città di Frascati, Architetto Aurelio Di Pietro. "Nel sopralluogo - ha spiegato il consigliere di opposizione - è emersa la circostanza di spogliatoi ad oggi privi di doccia per guasti all'impianto di riscaldamento e soprattutto nella parte bassa della struttura una palestra ben curata, piacevole con all'interno degli spogliatoi anche alcune saune. L'Amministrazione comunale ne era al corrente?"

petra frascati 1809sfaccendati 18 11 29Il consigliere ha inoltre dichiarato di aver effettuato richiesta presso ufficio competente per sapere i lavori effettuati dalle società sportive concessionarie presso gli impianti sportivi comunali e dalla risposta pervenuta non sembrerebbe emergere di lavori effettuati in quanto gli uffici preposti non sono a conoscenza. 

Oltre a questo, Fiasco ha proseguito sulla tematica dei Residui attivi ed anche in questo caso sembrerebbe che ci siano società sportive morose che devono versare circa 30.000 euro al Comune. Un debito che però, a quanto pare, non è ancora sufficiente a cacciare dagli impianti i morosi. Società che, tra l'altro, da mesi millanta una forza numerica, di iscritti e a livello sportiva non riscontrabile dalla realtà dei fatti.
Che fa l'assessore allo Sport Claudio Marziale? Quali decisioni da parte della maggioranza?
carnefresca cocktail