I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Si faceva pagare per aiutare i clandestini ed entrare in Italia. Arrestato poliziotto di frontiera a Fiumicino

FIUMICINO  (cronaca) - Ora è in carcere a Rebibbia

ilmamilio.it

Un sottoufficiale della Polizia di Frontiera in servizio all’aeroporto di Fiumicino è stato arrestato ieri per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Secondo quanto si apprende, l’uomo, di circa 60 anni da oltre un anno aiutava, dietro compenso, stranieri di varie nazionalità ad entrare nel territorio italiano riuscendo a passare inosservato grazie al ruolo ricoperto. Secondo una prima ricostruzione, gli stranieri una volta arrivati in aeroporto, venivano intercettati negli uffici di controllo, probabilmente su segnalazione, e portati personalmente fuori dallo scalo.

Le indagini condotte per diversi mesi dalla Polizia giudiziaria della Polaria di Fiumicino sono partite su segnalazione interna a seguito delle inspiegabili “sparizioni” dagli uffici di Polizia. L’ipotesi al vaglio degli inquirenti è che il poliziotto possa essersi appoggiato a un’organizzazione internazionale che gli indicava i soggetti da prelevare e lo pagava per il servizio. Al momento l’uomo si trova nel carcere di Rebibbia.