I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

Sanità, Confintesa: "Sistema emergenza-urgenza ha bisogno di mezzi e personale. Caso di Albano grave"

ROMA (attualità) - Dopo il caso di Albano Laziale, il dibattito continua

ilmamilio.it

"Non è accettabile che il sistema dell'emergenza-urgenza della Regione Lazio consenta l'avverarsi di episodi gravi sui tempi di risposta del Nue, come ad Albano Laziale, e che si permetta anche solamente per un secondo il perpetuarsi dello stato indecoroso in cui ormai versano i Pronto soccorso di Roma e provincia". Lo dichiara il segretario Confintesa Sanità Roma e Lazio, Antonino Gentile, in merito al decesso di un malato e la denuncia, attraverso la stampa, delle criticita' relative al Numero unico di emergenza 112, unitamente alla cronica carenza di posti letto e personale sanitario che rendono i Pronto soccorso luoghi non degni di un Paese civile.

"Sulla vicenda di Albano - continua- rimaniamo in attesa di conoscere l'esito delle verifiche della task force inviata dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, atto conclusivo di una serie di disservizi che da mesi interessavano il nuovo modello di gestione delle chiamate di emergenza che invece nei propositi iniziali avrebbe dovuto rendere il soccorso dei malati piu' rapido ed efficiente. Questo non è stato in quel di Albano e a farne le spese è stato un essere umano che non si è visto garantito quel diritto all'assistenza nel momento in cui ne aveva un urgente bisogno. Se dalla linea telefonica ci si sposta e si va nei Pronto Soccorso poi lo scenario diventa indecente. Ogni cittadino bisognoso di cure urgenti si vedra' negato quel diritto alla Salute che in questa regione rischia di rimanere solo su carta.

Poco personale sanitario, non adeguato alle reali necessita' legate alle condizioni di assistenza e cure. Negli anni passati vennero sintetizzati in maniera ragionieristica atti regionali che stabilivano i requisiti minimi strutturali e organizzativi, a cui i vari ospedali si attengono puntualmente purtroppo solo per la parte minima necessaria ai fini dell'accreditamento o dell'autorizzazione. A distanza di sei anni sarebbe necessario rivedere certi decreti, come strategia a breve e medio termine. Come sarebbe opportuno immettere risorse e personale nella macchina sanitaria regionale, altrimenti non basteranno le task force e le barelle continueranno a essere dimore scomode per giorni", conclude Antonino Gentile.

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna