I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Artificieri Esercito a Campoleone per il disinnesco della bomba di aereo della seconda guerra mondiale - FOTO

LANUVIO (attualità) - Lanuvio-Campolone: l'ordigno dal peso di 250 kg
 
ilmamilio.it
 
Gli artificieri del 21esimo Reggimento Genio Pionieri, stanno operando per la messa in sicurezza di una bomba d’aereo inglese da 500 libbre, circa 250 kg, risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuta in una vigna a via del Tufello, zona Campoleone. Tra Aprilia e Lanuvio. Per l’attività di disattivazione dell’ordigno intervergono gli specialisti provenienti dal 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta.
 
Le operazioni di disinnesco, coordinate dalle Prefetture di Latina e di Roma, sono iniziate alle ore sette con lo sgombero di un’area di circa 1.800 metri di raggio, pertanto per ragioni di sicurezza sono stati evacuati oltre 3.000 residenti ed è stata sospesa la circolazione ferroviaria e sarà disposta la chiusura totale al transito degli autoveicoli in tutta l’area limitrofa di via Nettunense. Al fine di ridurre il raggio di sgombero, i militari del Genio diretti dal colonnello Giuseppe Schiariti, hanno allestito delle opere di contenimento provvisionali, diminuendo quindi il numero dei cittadini da evacuare e limitando i disagi alla popolazione.
 
Successivamente gli artificieri dell’Esercito inizieranno l’intervento di rimozione delle spolette, ovvero dei due congegni meccanici di attivazione dell’ordigno. Dopo averla resa inoffensiva, la bomba sarà trasportata nella cava Stradaioli di Aprilia, dove verrà fatta brillare.
 I team di specialisti dell’Esercito, quotidianamente impegnati su tutto il territorio nazionale, da inizio anno hanno neutralizzato più 1.700 ordigni, per un totale di oltre 35.000 interventi di bonifica effettuati negli ultimi dieci anni. L’Esercito è l’unica Forza Armata preposta alla formazione e all’aggiornamento degli artificieri delle Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.
 
L’Esercito, grazie all’impiego duale dei propri reparti del Genio, è in grado di intervenire non solo per compiti istituzionali ma anche in casi di pubblica utilità e calamità, come presso i comuni del Centro Italia, dove assetti del 21° Reggimento Genio Guastatori sono all’opera per la demolizione di edifici inagibili e per il trasporto e rimozione delle macerie. Sul posto ci sono circa 300 operatori tra Protezione Civile, Polizia di Stato, Polizia Locale, Carabinieri, Croce Rossa, Boy Scout, funzionari della Regione Lazio, Astral Strade Lazio, Polizia Stradale. Il Centro Anziani di Campoleone ha accolto alcune centinaia di persone evacuate e disposto un pasto caldo.
Sul posto al Centro Operativo Misto alla Scuola di via Marx si trova anche il sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, con il vice sindaco Andrea Volpi, il presidente del Consiglio Comunale Mauizio Santoro, il responsabile della protezione civile Marco Baccarini, della Polizia Locale Maurizio Doretto, la dirigente del commissariato di Polizia di Genzano Manuela Rubinacci e il comandante dei Carabinieri di Lanuvio maresciallo Clemente Moretta insieme al maggiore Giambattista Fumarola, comandante Compagnia Velletri. Le operazioni dovrebbero terminare nel primo pomeriggio.