I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati: l'infinita vicenda dell'antenna Telecom di via Consalvi nell'incontro di oggi. "A marzo 2019 la sentenza del Tar" - FOTO E VIDEO

antenne inconto1 frascati ilmamilioFRASCATI (attualità) - Nell'aula magna del "Buonarroti" il presidente del Parco dei Castelli, Peduto, ha tracciato il punto della situazione. Di Fabio Del Frate e Giovanni De Rossi gli interventi tecnici

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Un incontro sul tema delle antenne, organizzato questo pomeriggio nell'aula magna dell'Istituto tecnico commerciale "Buonarroti" per cercare di fare il punto sull'impianto che potrebbe arrivare in via Consalvi e, indirettamente, sul Piano antenne di Frascati.

Bcc Castelli Romani Tuscolo

Un incontro che ilmamilio.it ha trasmesso per larga parte in diretta Facebook sulla propria pagina. Un momento di incontro e confronto organizzato dai cittadini per cercare di fare chiarezza su quanto sta accadendo a ridosso del parcheggio di via Consalvi.

"L'approccio che la scienza ha sul tema dell'elettrosmog, in particolare in una nazione come l'Italia che ha norme e limiti decisamente più restrittivi di altri Paesi, è ancora molto dibattuto - ha detto il professore di Tor Vergata Fabio Del Frate -. Tanto che - ha aggiunto - gli effetti dell'esposizione prolungata ad alte frequenze di bassa intensità non sono ancora certi. Certo è che però sui giovani questo genere di onde elettromagnetiche possono avere effetti più dannosi che sugli adulti".

petra frascati 1809

A via Consalvi, come noto, la Telecom aveva avviato nei mesi scorsi i lavori per l'installazione di una antenna di 37 metri a ridosso del parcheggio pubblico (LEGGI Frascati: il cantiere per la maxi antenna cancella un bel pezzo del parcheggio di via Consalvi) prima che l'intervento venissi interrotto dalla diffida del Parco dei Castelli romani e dagli esposti di un comitato cittadino.

"Quella di questa antenna - ha spiegato il presidente del Parco dei Castelli romani, Gianluigi Peduto - è una storia complessa e controversa per la quale probabilmente la parola fine verrà messa solo nel marzo 2019 quando il Tar del Lazio si esprimerà nel merito del ricorso al diniego fatto dal Parco nel novembre 2017 e per il quale, ritenendolo fuori tempo, Telecom aveva presentato ricorso. Il Tar del Lazio aveva concesso la sospensiva del diniego per poi andare a sentenza di merito a marzo prossimo".antenne incontro2 frascati ilmamilio

antenne incontro3 frascati ilmamilio

 

 

 

 

 

 

 

"In verità - ha spiegato Peduto nel dettaglio - qualche mese prima Telecom aveva presentato richiesta di autorizzazione per questo impianto che, di fatto, ricalcava - come anche rilevato dall'Ufficio tecnico di Frascati - il progetto già presentato e bocciato nel 2014. Un progetto che peraltro, quello del 2014, aveva comunque ottenuto col silenzio ed assenso il parere "positivo" della Sovrintendenza ai beni paesaggistici: una cosa quantomeno singolare".

Insomma: l'intervento per l'antenna Telecom di via Consalvi sul piano ambientale e naturalistico avrà il nulla osta o la definitiva bocciatura solo nella prossima primavera e meno di ulteriori rinvii.

"Senza contare - ha concluso Peduto - che il Parco sta anche valutando come tutelarsi per il fatto che l'avvocatura dello Stato non si sia costituita in questo procedimento amministrativo del privato contro l'Ente".

Una vicenda insomma particolarmente complesso, sul piano autorizzativo. Sul piano della salute a bocciare senza alcuna remora l'intervento è stato il vice presidente del Comitato di Tutela ambiente di Monte Porzio Catone, Giovanni De Rossi. "Le antenne fanno male, le antenne a ridosso delle scuole fanno male. Non dimentichiamo che ai Castelli l'elettromagnetisimo di fondo è già di circa 1000 volte più alto di quello "normale". Da anni ci battiamo contro l'inquinamento elettromagnetico, ogni giorno riceviamo chiamate e segnalazioni e quantomeno la cosa positiva è che sul tema ci sia una importante sensibilità".

Un tema, quello dell'elettrosmog, sul quale però - e gli interventi di questo pomeriggio lo hanno dimostrato - la scienza resta piuttosto divisa.

carne fresca