I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Romanina, Raggi e Bonafede inaugurano il “Giardino della Giustizia”

ROMA (attualità) - La cerimonia nel quartiere alla presenza del sindaco di Roma
 
ilmamilio.it
 
Nella giornata di oggi è stato inaugurato il primo “Giardino della Giustizia” di Roma, nel quartiere della Romanina, periferia Est della Capitale, area caratterizzata da anni dall'infiltrazione della criminalita' organizzata. Il giardino ha la forma di un piccolo bosco circolare percorso da un sentiero a spirale che conduce al centro, con 27 querce dedicate ad altrettanti magistrati uccisi. 
carne fresca
Al taglio del nastro erano presenti la sindaca di Roma Virginia Raggi, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, l'assessore capitolino all'Ambiente Pinuccia Montanari e Monica Lozzi, presidente del Municipio VII, nonché gli studenti di due scuole del territorio.

"Roma non arretra davanti alla criminalita. Quello che abbiamo inaugurato oggi – ha detto la sindaca - è un parco intitolato a 27 magistrati uccisi dalla malavita. L'abbiamo pensato nel quartiere della Romanina, una zona gia' citata dalle cronache per episodi di violenza e abusi. Insieme alle autorita' giudiziarie non abbassiamo lo sguardo. E oggi vogliamo ribadire che e' forte la presenza delle istituzioni in difesa della legalita'".
 
Sulla falsariga il ministro Bonafede: “Noi in Italia siamo abituati a pensare alla Giustizia come a una cosa con cui si ha a che fare se qualcosa e' andato storto nella tua vita, ma non e' soltanto questo. E' una battaglia culturale per dire che lo Stato e' presente in ogni angolo di questo Paese dove si combatte contro l'illegalita'. Questi magistrati sono eroi che hanno combattuto contro il male anche senza avere uno stemma o un mantello ma indossando una toga, dobbiamo ricordarli perche' loro non erano immortali ma il loro ricordo lo è”.