I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

“Da tutta questa bellezza qualcosa deve uscire”: la poesia di Ezra Pound

Risultati immagini per ezra pound pasoliniMorì il 1 novembre 1972. Pagò con anni di detenzione le sue scelte economiche e politiche

ilmamilio.it

Sulla sua tomba, nell'Isola di San Michele a Venezia, non c'è scritto nulla. Solo il suo nome e il cognome: Ezra Pound. E' stato un monumento della poesia del Novecento. Piegato, condannato o conteso, come tutti gli intellettuali del 'secolo breve' (ed ideologico) fece delle scelte. Fisicamente somigliava ad un profeta e lo era sul serio.

Vestito di bianco, con il suo capello da cowboy, negli ultimi anni camminava per le vie di Venezia. Chi visse quel periodo se lo ricorda ancora bene, nitidamente, come fosse la figura di un vate che si donava alla vista degli altri. Lo citò Giovanni Paolo I, Albino Luciani, nelle sue memorie, è amato da intellettuali di sinistra come Massimo Cacciari. Fu il più classico tra gli autori di versi, ma dentro uno sperimentalismo poetico che ti faceva ascoltare il respiro di Virgilio, Dante e Omero.

Pier Paolo Pasolini, che lo ammirò, disse che era dotato di una poesia ''enormemente vasta, capace di estendersi in superficie occupando un territorio immenso''. Uno storico incontro per la televisione italiana tra i due sancì quello che era un punto di contatto questi due straordinari personaggi affascinati dal mondo scomparso dei pionieri in America (Pound) e dalla civiltà contadina in Italia (Pasolini). Due visioni sicuramente lontane per origini geografiche, ma vicine nel comune sentire di una spiritualità e di approccio al mondo profondamente critico nei confronti dello sviluppo e delle sue mostruosità.

In quest’intervista Pasolini si rivolge a Pound con una frase mutuata dallo stesso poeta americano e riferita originariamente a Walt Whitman: «Stringo un patto con Te./ Ti detesto ormai da troppo tempo./ Vengo a Te come un fanciullo cresciuto che ha avuto un padre dalla testa dura./ Sono abbastanza grande ora per fare amicizia./ Fosti Tu ad intagliare il legno./ Ora è tempo di abbattere insieme la nuova foresta./ Abbiamo un solo stelo ed una sola radice./ Che i rapporti siano ristabiliti tra noi». E la risposta del vecchio Pound fu: «Bene, Amici allora: Pax tibi, Pax mundi». Storia.

Pound, quando imponeva i suoi versi, creava melodie. Nei suoi fogli, i temi musicali si intrecciavano e si ritrovavano in un 'Festival della letteratura mondiale' – come disse Eugenio Montale - ancora oggi considerato intramontabile.

Leggi anche:  Preferire i ragazzi che cercano, nelle pozzanghere, qualche sparuta anguilla. Eugenio Montale e la sua poesia

Il poeta ebbe una vita avventurosa e dolorosa. Visse per lo più in Europa. Fu uno dei protagonisti del modernismo e della poesia di inizio XX secolo costruendo, assieme a Thomas Eliot, la forza trainante di molti movimenti letterari. Trasferitosi in Italia nel 1924, sostenne il regime fascista fino alla caduta della Repubblica di Salò. Catturato, venne consegnato alle forze armate degli Stati Uniti, ove fu sottoposto a processo per tradimento. Pagò sostanzialmente la sua presa di posizione differente, considerata inaccettabile per un americano. Pagò le sue trasmissioni dalle frequenze dell'EIAR, il suo ''Europe calling, Ezra Pound speaking'' in cui accusava gli angloamericani e la finanza internazionale di aver provocato la guerra contro le nazioni che si erano ribellate al cappio dell'usura.

Trasferito in un campo di prigionia dell'esercito statunitense ad ''Arena Metato'' tra Pisa e Viareggio, visse alcune settimane di reclusione in una gabbia di sicurezza senza servizi igienici e la possibilità di ripararsi dal freddo e dal caldo. Subì un tracollo fisico. Gli fu assegnata una tenda presso l'infermeria e gli fu consentito di scrivere. Instancabile, trascorse i mesi componendo alcuni 'Canti pisani' e tradusse Confucio, di cui possedeva un libro.

In quei giorni così difficili, mentre un faro notturno abbagliava la sua cella, quando per dormire si doveva tirare l'unica coperta sulla testa e due sentinelle gli facevano la guardia in permanenza col divieto di parlargli, riuscì ad elaborare ugualmente il suo immaginario. Alla fine del novembre 1945, fu trasferito in aereo a Washington per il processo. In seguito a una perizia psichiatrica, fu dichiarato infermo di mente. Lo accolse l'ospedale criminale federale "St. Elizabeths" di Washington per tredici anni. Molti intellettuali si mobilitarono per lui. Una volta liberato, tornò in Italia dove trascorse gli ultimi anni della sua esistenza. Le sue preferenze politiche gli costarono anche, nel secondo dopoguerra, la possibilità di partecipare all'assegnazione del Premio Nobel per la letteratura, nel 1959.

Pound fu osteggiato sopratutto per le sue teorie economiche, ben più pericolose dell'adesione o alla simpatia personale per un'idea. ''Abc dell’Economia'' e ''Lavoro e Usura'' aprirono infatti le coscienze a considerazioni fino ad allora poco monitorate e studiate. Per il poeta era inconcepibile che le banche potessero creare denaro dal nulla attraverso semplici operazioni contabili. A causa di questo capovolgimento nei rapporti di forza, anche il lavoro risultava vincolato alle decisioni prese da coloro che fondavano il potere sul diritto di prestare denaro.

L’idea economica poundiana è quella, nella sostanza, di un popolo che non adorava la moneta e non ne faceva una divinità di carta, non creava una classe di politici serva dei banchieri, non lavorava più di cinque ore al giorno. La sua idea era quella di un’umanità libera dalla fatica e della finanza, capace di gestire le sue risorse equamente, distribuendole nello Stato Sociale.

Il denaro: questo è l'elemento da cui, per Pound, si doveva partire, riconsiderando tutti i meccanismi che lo creavano e che gli davano un valore. Teorie rivoluzionarie che sono state poi rivalutate negli anni, ma che all'epoca erano molto di più di una bestemmia. Perché era stata la finanza ad ingrandire la guerra ed era stata la finanza ad arricchirsi durante quel conflitto. La figlia del poeta, Mary de Rachewiltz, una volta ha testimoniato: ''Papà non si lamentava mai. Anzi ci scherzava sopra. Sosteneva che l' essere stato rinchiuso in una gabbia all'aperto per tre settimane e poi internato per tredici anni in manicomio, costituirono un' occasione unica per vedere il mondo, per allargare i suoi orizzonti". Se una siepe può lasciar figurare l' infinito di leopardiana memoria, una gabbia poteva allagare lo sguardo oltre ciò che non si vedeva. Guardando la visione del cielo tra le gambe di chi gli faceva da sentinella, scrisse: "Sotto nuvole bianche, cielo di Pisa / da tutta questa bellezza qualcosa deve uscire...".

Nel 2009 il ''New York Times'', commentando la crisi dei mutui, apriva un articolo riportando i versi scritti all'alba della Seconda guerra mondiale: ''Con usura nessuno ha una solida casa''. Una piccola rivincita, per un gigante assoluto. Una poesia, la sua, che si batteva contro quella modernità che si muove come in guerra contro la riflessione e i tempi della vita per esaltare la superficialità e la fretta. "Quello che veramente ami rimane / Il resto è scorie / quello che veramente ami non ti sarà strappato / Quello che veramente ami è la tua eredità". Questa, tra le tante creazioni, ci ha lasciato.

Soffitta

Vieni, compiangiamoli quelli che stanno meglio di noi.
Vieni, amica, e ricorda
che i ricchi han maggiordomi e non amici,
e noi abbiamo amici e non maggiordomi.
Vieni, compiangiamo gli sposati e i non sposati.

L’aurora entra a passettini
come una dorata Pavlova,
e io son presso al mio desiderio.
Né ha la vita in sé qualcosa di migliore
che quest’ora di chiara freschezza,
l’ora di svegliarsi in amore.