I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Sergio Sacchetti: "Bene il Giro d'Italia a Frascati, ma no a costi su spalle dei cittadini"

FRASCATI (attualità) - L'ex fiduciario Coni commenta la notizia di questi giorni

ilmamilio.it

Da Sergio Sacchetti, ex fiduciario Coni di Frascati, riceviamo e pubblichiamo.

"Dopo la presentazione ufficiale del 102° Giro d’Italia di ciclismo che prevede a Frascati il 14 e 15 maggio 2019 l’arrivo della 4^ tappa e la partenza della 5^ tappa, vengono spontanee alcune riflessioni sulle difficoltà della viabilità cittadina, sui disagi in generale che ci saranno in quei giorni ma anche sui costi, compensati (forse) dalla grande ribalta e notorietà, con auspicabile ricaduta economica, che la nostra Città e i Castelli Romani avranno per l’evento.

LEGGI Il Giro d’Italia 2019 torna nei Castelli Romani: Frascati tappa di arrivo e di partenza

petra frascati 1809Premesso che sono uno sportivo e appassionato di ciclismo, sono ben felice che la grande kermesse ciclistica farà tappa nel nostro Comune, il fascino e la storia che il Giro d’Italia porta con se non ha eguali ma se solo lo scorso 14 ottobre la Granfondo non transitò per Frascati perché avrebbe creato disagi (comunicato stampa del comune di Frascati “Avendo all’interno del territorio comunale l’Ospedale, il Commissariato di Pubblica Sicurezza, la Caserma dei Carabinieri, la Tenenza della Guardia di Finanza e la Caserma dei Vigili del Fuoco, per tutelare i servizi di pronto soccorso e di pubblica sicurezza, evitando così disagi alla cittadinanza, l’Amministrazione comunale di Frascati ha deciso di non aderire…”  https://www.facebook.com/notes/ufficio-stampa-del-comune-di-frascati/la-gran-fondo-campagnolo-non-passer%C3%A0-per-frascati/958767617643393/ ) figuriamoci cosa si potrebbe verificare in quei giorni per la cittadinanza e coloro che i motivi più disparati dovessero imbattersi nel comune Tuscolano o per sfortuna aver bisogno dell’Ospedale.

Bcc Castelli Romani Tuscolo

Anche la Granfondo di ciclismo è un grande evento sportivo e mediatico (certamente non a livello del Giro) che interessa circa 5000 ciclisti delle varie categorie amatoriali ma forse il solo passaggio (diluito in circa tre ore) per alcuni Comuni è un fastidio mentre per altri è un valore e un motivo di festa.

Se l’arrivo e la partenza di una tappa della Corsa Rosa porta grande lustro alla città ospitante, forse non tutti sanno che richiede anche un notevole esborso economico coperto dal comune ospitante e da finanziamenti pubblici ma anche da sponsor. Dovranno essere probabilmente asfaltate strade (che rimarranno poi patrimonio della cittadinanza) rimossi dossi pericolosi e fatte tutte quelle opere che riguardano la sicurezza dei corridori.

Ma quanto potrebbe costare ospitare una tappa del Giro d’Italia? Non c’è un prezzario ben definito ma tutto è frutto di una contrattazione con l’Organizzazione, si potrebbero spendere dai 30.000 euro ai 60.000 e oltre con arrivo e partenza (“Alberobello per un arrivo di tappa ha versato a Rcs 60mila euro, mentre Reggio Emilia ne ha messi sul piatto 200mila per un arrivo e una partenza; Tortona spese 60mila euro; Castellania 20mila e Biella – per l’arrivo al santuario d’Oropa – pagò 120mila eurohttps://it.businessinsider.com/giro-ditalia-un-affare-da-35-milioni-ma-le-tappe-sono-un-far-west/).

LEGGI Giro d'Italia 2019, grande attesa per la presentazione di domani: Frascati protagonista, con lei altri Castelli romani

Può il comune di Frascati permettersi di spendere certe cifre e dove troverà le risorse economiche necessarie? Ben venga il Giro d’Italia se i costi non graveranno sui cittadini.

Se parliamo di sport anche gli impianti sportivi comunali frequentati dai nostri ragazzi, avrebbero bisogno di finanziamenti per essere risistemati e messi in sicurezza, vedi il Campo VIII Settembre con il manto in sintetico ancora da completare e la pista di atletica in pessime condizioni, il Campo Mamilio con il fondo in sintetico molto usurato e da rifare altrimenti non avrà l’omologazione, lo stadio del Rugby a Cocciano, l’impianto di Spinoretico solo per citare alcuni esempi e se si trovano i fondi per il Giro d’Italia allora si potrebbero trovare, mi auguro al più presto, anche per l’impiantistica sportiva frascatana.

carne fresca

Commenti   

0 #1 gianni 2018-11-05 08:42
Grazie Sergio. Speriamo che il tuo appello venga ascoltato.
Citazione