I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Fiumicino, scritta contro Montino a Cirrinnà: “Vi dovrebbero impiccare”. La solidarietà del mondo politico

FIUMICINO (politica) - La scritta firmata con un fascio littorio stilizzato

ilmamilio.it

"Montino e Cirinnà ve dovrebbero impiccà". Come firma un fascio littorio stilizzato. La scritta è apparsa a Fiumicino in piazzale Mediterraneo ed è riferita al sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, e a sua moglie Monica Cirinnà, senatrice del Pd, nota per le sue battaglie per i diritti civili.

“Noi non pubblicheremo quella foto – ha commentato Montino dal suo profilo social- perché la visibilità è quello che cercano. Pubblichiamo, invece, alcuni dei tantissimi messaggi di solidarietà e sostegno che ci stanno arrivando in queste ore da parte di associazioni, amici, cittadini, semplici utenti dei social network.

C'è un'Italia migliore, che rifiuta l'odio e i pericolosi rigurgiti razzisti, fascisti e omofobi a cui assistiamo. E noi stiamo con quell'Italia”.

Michela Califano, consigliere regionale PD, ha commentato: “La scritta apparsa oggi su un muro di Fiumicino che inneggia all’impiccagione della senatrice Pd Monica Cirinnà e del sindaco Esterino Montino ‘colpevoli’ di aver iscritto all’anagrafe una bimba con due mamme, è purtroppo la conseguenza dei nostri tempi. Di chi agita lo spettro dell’immigrazione per curare tutti i mali e di chi imputa a una bimba di pochi mesi e a una coppia di mamme che se ne prende cura lo sgretolamento di chissà quali valori.

A Monica Cirinnà e a Esterino Montino  - conclude - non serve alcuna solidarietà ma il nostro sostegno. Le loro sono battaglie per veder riconosciuti diritti che ovunque sono ormai assodati. E grazie al Pd oggi sono legge anche in Italia, alla faccia di chi vorrebbe eliminarli”.