Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Albano Laziale: beccati a forzare lo sportello di una Smart, scappano con una TT ma i carabinieri li acciuffano

ALBANO LAZIALE (cronaca) - Operazione dei militari del Nor di Castel Gandolfo che assicurano alla giustizia i due dopo un breve inseguimento

ilmamilio.it 

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castel Gandolfo hanno arrestato due giovani, un moldavo di 33 anni residente a Roma ed un italiano 37enne di Ariccia, entrambi con precedenti, responsabili dei reati di furto aggravato e possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli.

Nella mattinata di ieri, i malviventi, dopo aver forzato la portiera di una Smart parcheggiata in via Legione Partica ad Albano Laziale, hanno iniziato ad armeggiare all’interno riuscendo a smontare parte del cruscotto e ad asportare il navigatore satellitare.

Dopo il colpo, i ladri sono scappati a bordo di un’Audi TT ma la loro fuga è durata pochi minuti: sulle loro tracce c’erano i Carabinieri del Radiomobile che, allertati e coordinati dalla Centrale Operativa, sono riusciti a intercettarli lungo le vie del centro cittadino e, dopo un breve inseguimento, a bloccarli. Durante l’inseguimento i malviventi hanno anche tentato di disfarsi del “malloppo” lanciando i pezzi appena asportati dal finestrino, ma i militari hanno recuperato l’intera refurtiva restituendola al legittimo proprietario.

Dopo il processo per direttissima, celebrato nella stessa giornata di ieri, il cittadino moldavo è stato rinchiuso nel carcere di Velletri, mentre l’italiano sottoposto ai domiciliari.