I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Rivoluzione animalista contro l'aumento del periodo per la caccia ai cinghiali

ROMA (politica) - La segretaria nazionale Gabriella Caramanica contesta la proposta del ministro Centinaio. "Favorisce le lobby venatorie"

ilmamilio.it - nota stampa

"Reputiamo fuori luogo e illogiche le recenti dichiarazioni del ministro Centinaio che vuole aumentare di un mese la finestra per la caccia dei cinghiali, implementare il numero per la caccia di selezione e trasformare la fauna selvatica in un prodotto finale destinato anche alla ristorazione".

carne fresca

"Al pari del collega di partito Matteo Salvini, l'esponente leghista si conferma grande amico delle lobby venatorie e falso difensore dei diritti animali. Una delusione politica e istituzionale che ha fatto storcere il naso a migliaia di animalisti. Rivoluzione Animalista crede fortemente che non sia necessario abbattere cinghiali per risolvere il problema: al fine di evitare l'espandersi dell'emergenza e di vedere questi animali aggirarsi nei centri abitati, basterebbe mantenere i luoghi puliti, decorosi, senza immondizia, e utilizzare strutture di protezione adeguate".

"Inoltre, sarebbe necessario avviare un vasto monitoraggio delle aree boschive, circoscrivere i branchi di cinghiali, e utilizzare sistemi contraccettivi, come sperimentato in altre nazioni. Invece di sparare ad effetto, dunque, dal ministro Centinaio ci aspettiamo più che altro risposte sensate". Così, in una nota, il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica

petra frascati 1809