I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Scuole aperte o scuole chiuse martedì 30? I sindaci attendono il bollettino regionale

meteo ilmeteoFRASCATI (attualità) - Nessuno ha ancora firmato nuove ordinanze: si guarda alle previsioni delle prossime ore. Anche se oggi i danni sono stati ingenti

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

C'è grande incertezza sull'apertura o meno delle scuole per la giornata di domani, martedì 30 ottobre.

I sindaci dei Castelli romani, dopo la serrata di oggi (ad eccezione di Genzano, Nemi e Lariano) restano in attesa di capire come si evolverà il quadro delle previsioni.

Fino a questo momento NESSUN sindaco ha confermato l'ordinanza di chiusura firmata per oggi, e quindi al momento tutte le scuole di Roma e dei Castelli romani saranno formalmente aperte.

Bcc Castelli Romani Tuscolo"Con l'attuale quadro siamo in attesa di capire bene", spiega il sindaco di Rocca Priora, Damiano Pucci. "Stiamo cercando di coordinarci con gli altri sindaci dell'area tuscolana anche se prima che esca il bollettino del Centro funzionale della protezione civile della Regione Lazio nessuno deciderà, suppongo".

Sulla stessa linea anche il sindaco di Colonna, Augusto Cappellini. "Il quadro non è chiaro: l'allerta di ieri, di codice arancione, parlava di 24-36 ore: cerchiamo di capire cosa si profila per domani anche se è evidente che tenere le scuole chiuse oggi sia stata una decisione più che giusta".

petra frascati 1809
carne fresca
 
 
 
 
 
"Stiamo seguendo l'evoluzione del meteo con grande attenzione - conferma poi il sindaco di Frascati, Roberto Mastrosanti - e al momento purtroppo non è possibile prendere alcuna decisione. Purtroppo i danni provocati dal vento di queste ore sono stati ingenti, attendiamo di capire cosa accadrà nelle prossime".
Nessuna indicazione, ancora, neanche dalla prefettura: d'altra parte anche ieri Palazzo Valentini ha lasciato ai sindaci la facoltà di scegliere. E' evidente che a togliere le castagne dal fuoco dei primi cittadini potrebbe essere proprio una decisione del prefetto.