I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Inaugurato il nuovo potabilizzatore per i comuni di Pomezia ed Areda

potabilizzatorePOMEZIA (attualità) - Eroga 260 litri al secondo: prossimo step l'impianto per l'eliminazione dell'arsenico

ilmamilio.it - comunicato stampa

E' stato inaugurato questa mattina il nuovo impianto di potabilizzazione dell'acqua nella centrale Acea di via Laurentina. La struttura è già operativa ed è al servizio dei Comuni di Ardea e Pomezia. La sua funzione prevede la rimozione dei solventi clorurati presenti nell'acqua ed è in grado di garantire una portata di acqua di 260 litri al secondo. L'investimento, finanziato da Acea, è stato di 2,1 milioni di euro. L'impiego di questo nuovo impianto di fatto scongiura problemi nella fornitura idrica dei due Comuni e, secondo quanto spiegato dalla stessa azienda, è prevista a medio termine la realizzazione di un nuovo impianto che andrà a depurare dall’arsenico i pozzi attualmente non utilizzati. All'evento hanno partecipato, oltre ai rappresentanti di Acea Ato 2, anche i Sindaci di Ardea e Pomezia, Mario Savarese e Fabio Fucci.

“L’acqua proveniente dalla Centrale Laurentina è sempre stata potabile – ha detto il Sindaco Fucci – Con questo nuovo impianto, entrato in funzione in tempi record, miglioriamo ulteriormente la qualità dell’acqua, scongiuriamo il rischio del razionamento idrico nelle nostre Città e ci garantiamo l'indipendenza nell'approvvigionamento, un risultato importante vista la grande siccità che stiamo attraversando”.

“Il prossimo impegno da seguire, tutti insieme – ha sottolineato il Sindaco Savarese - è anche quello legato ai reflui e alla qualità delle acque di fiumi e del mare, oltre che nell'implementazione della rete idrica che porterà novità anche per le condotte mancanti nella zona a monte di Ardea”.