I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Rocca Priora, Comitato di Salvaguardia dei Boschi- Parco: incontro sulle criticità

ROCCA PRIORA - Indetto un incontro con i sindaci per combattere il fenomeno dilagante dell’abbandono dei rifiuti

ilmamilio.it

Una delegazione del Comitato di Salvaguardia dei Boschi di Rocca Priora ha incontrato, nella serata di ieri, il Presidente del Parco dei Castelli Romani, Sandro Caracci. Secondo quanto comunicato dai presenti tramite social, Caracci si è dichiarato disponibile a sostenere il gruppo in qualsiasi iniziativa, con mezzi e uomini, dalle attività didattiche a quelle dimostrative. L’Ente ha inoltre acquistato 20 fototrappole, la cui dislocazione non sarà resa nota e sarà variata per coprire un territorio più vasto. Caracci ha informato inoltre che le videocamere del Comune di Rocca Priora sono in funzione e i video registrati. Le immagini, dove sono impresse le azioni di chi ha lasciato illecitamente i rifiuti, sono in possesso del Comandante della Polizia locale di Rocca Priora.

Il 29 agosto, presso la sede del Parco, il Presidente riunirà Sindaci, Assessori all’ambiente, referenti della Città metropolitana e degli enti gestori delle strade per individuare una strategia condivisa per la lotta all’abbandono incontrollato dei rifiuti, tema che sta sfuggendo di mano alle varie Amministrazioni. E’ intenzione dell’Ente studiare adeguate modalità di vigilanza, controllo e soprattutto repressione del fenomeno.

“Abbiamo inoltre stabilito – fanno sapere dal Comitato - di attivare quanto prima, con il supporto del Parco e magari del nostro Comune, un’intensa campagna di sensibilizzazione, che potrà prendere varie forme, dall’aumentare la comunicazione attraverso cartelli, locandine, diffusione sul web delle sanzioni previste per l’abbandono dei rifiuti, all’indicazione esatta delle modalità e dei luoghi dove conferire i vari tipi di rifiuto, alle attività educative per i bambini”. “Come Comitato – concludono - abbiamo intenzione di intraprendere diverse strade, che abbiano un senso logico e conducano verso un miglioramento della situazione attuale, non certo per ricevere dei like o complimenti. Ogni proposta o suggerimento potrà soltanto risultare utile”.

Le buone intenzioni ci sono in abbondanza. Ora è il momento di applicarle e di renderle utili per un'intera comunità.