I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Rocca di Papa: ai domiciliari, spara al fratello (in auto con 2 bimbe) dopo una lite. E stavolta finisce in carcere

carabinieri roccadipapa ilmamilioROCCA DI PAPA (cronaca) - Il 42enne era ristretto nella sua abitazione per problemi di droga

ilmamilio.it

Rimane in carcere l'uomo di 35 anni che qualche giorno fa ha sparato un colpo di pistola (detenuta illegalmente) contro la macchina del fratello dopo una violenta lite nella casa di famiglia nella zona dei Campi di Annibale. I due entrambi conosciuti alle forze dell'ordine, il 35enne, agli arresti domiciliari per una vicenda di qualche anno fa, e il fratello di qualche anno più grande dopo una lite per motivi familiari, hanno continuato a discutere davanti agli altri familiari, alla presenza anche di due bambine, figlie del maggiore.

carne fresca

Quest'ultimo ad un certo punto ha preso le due figlie piccole e se ne stava andando, a bordo della sua auto, una Citroen, come raccontano alcuni testimoni che erano in strada. A quel punto il più piccolo dei due fratelli è uscito fuori ed ha sparato un colpo di pistola contro la macchina del fratello con a bordo le due bambine. Il proiettile per fortuna si è conficcato nella parte anteriore della macchina non ferendo nessuno.

L'auto presa di mira, con a bordo le due bimbe, è quindi partita per mettersi al sicuro. Dopo pochi minuti sono arrivati sul posto i carabinieri della Stazione di Rocca di Papa, allertati da alcuni residenti che avevano sentito lo sparo. In poco tempo, i militari, diretti dal comandante Giovanni De Fabrizio, hanno ricostruito tutti i fatti, rintracciato il fuggiasco e arrestato per tentato omicidio e detenzione illegale di arma, il fratello che aveva sparato, che si trovava come detto già in regime cautelare di arresti domiciliari.

Ora dovrà scontare le sue condanne presso il penitenziario di Velletri, quelle arretrate e quelle per il tentato omicidio del fratello.

petra frascati 1809