I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati: palpeggiò una 15enne in centro, 26enne kosovaro condannato a 2 anni e mezzo

FRASCATI (cronaca) - I fatti risalgono all'inizio dello scorso aprile: lo slavo venne identificato e rintracciato dai carabinieri nel giro di poche ore

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

I fatti risalgono allo scorso inizio aprile quando una 15enne mentre tornava verso casa nella zona tra il centro di Frascati e la sottostante via Gregoriana venne avvicinata, importunata e palpeggiata da un 26enne kosovaro. La giovane riuscì a divincolarsi dalle grinfie del ragazzo e, arrivata a casa, raccontò tutto ai genitori che sporsero immediata denuncia ai carabinieri della locale Stazione. I militari, sulla scorta della descrizione resa dalla 15enne, impiegarono poco a rintracciare l'aggressore.

LEGGI Frascati: palpeggia e sbatte a terra una minorenne. Arrestato giovane kosovaro

 

carne fresca

 

 

 

 

 

Nei giorni scorsi si è celebrato presso il Tribunale di Velletri il processo con Rito abbreviato con alla sbarra il giovane slavo che si è rimesso alla giustizia. La difesa ha tentato di dimostrare l'insanità mentale dell'aggressore per il quale sarebbe stata riconosciuta una lieve sindrome epilettica che comunque non avrebbe avuto nulla a che fare con i fatti contestati.

Per lui anche qualche precedente specifico: il giudice, accogliendo in pieno la richiesta del pubblico ministero ha dunque condannato il 26enne a 2 anni e mezzo di arresti domiciliari.

Pur nel diritto dell'imputato di poter ricorrere alla sentenza di condanna pronunciata dal giudice di Velletri, per la famiglia della minorenne frascatana una brutta vicenda che si chiude.

petra frascati 1809

Bcc Castelli Romani Tuscolo