Grottaferrata, le inadempienze di Acea e la necessità di cambiare rotta. Urlare da soli non serve

Pubblicato: Mercoledì, 09 Agosto 2017 - Fabrizio Giusti

GROTTAFERRATA (attualità) – Dal 2002, anno della convenzione, mai un’accelerata sugli investimenti

ilmamilio.it

Il territorio comunale di Grottaferrata continua ad essere falcidiato da perdite di acqua, abbassamenti di pressione, guasti. L’amministrazione, causa rodaggio dei meccanismi istituzionali (tra le tante deleghe una specifica ai rapporti con Acea e alle politiche per la qualità del servizio idrico sarebbe stata a questo punto puntuale e opportuna), è stata in silenzio o - se vogliamo dirla con termini istituzionali - ha preferito una ‘linea di prudenza’. Zero comunicazioni ufficiali. Fino a ieri, quando mezzo paese è rimasto senz’acqua e qualcosa è successo. Il sindaco Andreotti ha protestato con Acea per il disservizio. Non che il gestore si spaventi se il sindaco di un comune di ventimila abitanti si innervosisce, ma un pò di sabbia s’è mossa.

Il Servizio Idrico Integrato vige a Grottaferrata dal 2002 (con 25 anni di contratto promossi all’epoca dell’amministrazione guidata da Angelo Viticchié) con risultati che non hanno mai subito una chiara accelerazione sul piano degli investimenti. L’idea della convenzione, all’inizio degli anni duemila, sarà nata anche con tutti i buoni propositi del caso, ma si sta rivelando un boomerang per la storia della città.

Eppure di azioni, anche nelle precedenti Giunte, ne sono state fatte. Non ultimo, durante la Giunta Fontana, un accordo con Acea (Assessore era Enrico Ambrogioni) per un piano di sostituzione delle condutture idriche nelle zone in cui le perdite d'acqua si ripetevano al ritmo di una a settimana. La montagna, però, partorì un topolino, visto che alla fine solo Via Marinetti ha assistito ad un’opera di riqualificazione. Un episodio isolato, in una rete idrica colabrodo. Il gestore non ha più dato atto a interventi di rilievo, la politica ha potuto fare poco, le perdite hanno imperversato lo stesso con grave danno economico per i residenti, la cui rabbia inevitabilmente si scatena contro i ‘portoni di prossimità’, ovvero quello dei rappresentanti comunali, i quali devono tenere botta, beccarsi le critiche e tentare di lavorare per risolvere le emergenze. Se i problemi però rimangono gli stessi per anni, e con tutte le Giunte possibili ed immaginabili, la colpa è di chi non rispetta gli impegni presi e di chi non li fa rispettare (ma in questo caso, va detto, la responsabilità è minore).

Tuttavia i Comuni possono attivare alcune iniziative, senza limitarsi alla protesta di rito. A Rocca Priora e Lariano, ad esempio, una mossa l’hanno pensata: denunciare le inadempienze con un atto di consiglio comunale unanime contro l’azienda di gestione delle acque (il cui 51%, lo ricordiamo, è in mano alla sola Roma Capitale). Certo, per entrambe le cittadine è stato come buttare il sasso nell’Oceano, ma almeno è un atto trasversale del massimo organo rappresentativo degli enti locali.

Il problema reale (non solo di Grottaferrata) è che nei Castelli Romani ognuno trova in ordine sparso – da sempre - la sua formula per sbraitare contro Acea, percepita ormai dai cittadini come un Moloch contro cui, da soli, con le lettere o i comunicati, si fa veramente poco.

Cambiare rotta è l’unica via, ma la scelta ormai deve essere collegiale. Altrimenti buonanotte a tutti.

 


Commenti  

#1 #stosereno 2017-08-09 15:18
Io in questa storia dell'acqua ho trovato tante cose capillarmente strane. Persone di liste civiche che si sono impegnate per la campagna referendaria per l'acqua pubblica e poi, diventare consigliere comunali, "non si sono" accorte di quanto succedeva (parlo dei disservizi acea). Candidati sindaci TUTTI, che si sono ben guardati di parlare di acea in campagna elettorale, malgrado che il sottoscritto e le perdite quotidiane glielo ricordassero.
Comitati che magicamente non nascono su questa storia.
In compenso ho trovato una consigliera comunale che mi ha spiegato molto bene perchè i comuni hanno le mani legate (e quindi loro si possono scaricare da tutte le responsabilità)!!
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna