I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

L’eredità delle emozioni: viaggio attraverso gli animali e l’epigenetica

politi rossellaALBANO LAZIALE (attualità) - La dottoressa Rossella Politi: "Una nuova disciplina per comprendere i comportamenti dei nostri piccoli amici"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

I nostri antenati hanno osservato per anni il comportamento degli animali per soddisfare, inizialmente, quelli che erano ritenuti i bisogni vitali. Grazie all’intervento di coloro che sono classificati come i padri fondatori dell’etologia e della biologia, lo studio del comportamento animale ha assunto nel tempo una valenza sempre più scientifica diventando una disciplina di studio.

carne fresca

Ne abbiamo parlato con Rossella Politi, dottoressa in Tutela e Benessere Animale: "Con il passare degli anni, gli etologi si sono interrogati più volte sul modo in cui i fattori  genetici influenzino un comportamento e il ruolo che l’ambiente stesso riveste in tutto ciò, rivalutando le teorie Lamarckiane. Questi numerosi interrogativi trovano risposta nell’epigenetica, nuova disciplina che va ad interessarsi  dei meccanismi molecolari attraverso cui l’ambiente agisce sull’attività dei geni, dando vita così ad una memoria emozionale intesa come la trasmissione dei traumi e delle esperienze passate nella relazione genitori - figli".

petra frascati 1809

sfaccendati 181015

 

 

 

 

 

 

 

"Questa nuova chiave di lettura del patrimonio genetico è un metodo utile per  creare nuove soluzioni, mirate alla prevenzione di patologie degenerative e non e patologie comportamentali, fornendo così un’arma di difesa contro quelle che sono le malattie ormai all’ordine del giorno e nell’ambito prettamente etologico e veterinario, la scoperta della trasmissione genitori - prole di paure e traumi, può senza dubbio essere un ulteriore motivo per prevenire fenomeni quali il maltrattamento e/o abbandono senza andare a compromettere la relazione dell’animale stesso con conspecifici e non".