I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Intervista a Stefano Tricarico, il Principe Marcantonio Colonna che ha ‘conquistato’ la Città di Marino

MARINO (attualità) - L'attore protagonista delle giornate della 94a Sagra dell'Uva
ilmamilio.it 

È stato l'attore protagonista che ha interpreta la figura del Principe Marcantonio Colonna per due giorni nel corteo storico della Sagra dell'Uva di Marino giunta alla 94 edizione per idea del poeta Leone Ciprelli e divenuta famosa in tutto il mondo. Stefano Tricarico, 'signore dei cavalli', ora svela le sue emozioni e le impressioni della sua esperienza.

Tricarico, lei è un ex fantino professionista, ora attore, oltre all'impressionante somiglianza con il vero Marcantonio come è entrato in questa parte?

"Non è stato difficile per me interpretare la figura del marcantonio mi è bastato guardarlo negli occhi per capire che in quel ritratto vi era un nobile uomo dai lineamenti rudi ma dall'animo garbato, un grande condottiero ed ammiraglio capace di lottare e di Amare. Un uomo colmo di Fede a tal punto da partire in guerra, nonostante la sua agiata posizione, per difendere la Chiesa illuminato dalla fede, contro gli attacchi dei Mussulmani e passare così alla storia".

Ha avuto una padronanza eccezionale per poter sfilare a cavallo in tutto il percorso del corteo.

"Amo i Cavalli da sempre sono stato un discreto Fantino Campione Italiano nel 1995 come Allievo, per me andare a cavallo è come portare una bicicletta, poi Flamenco, il cavallo utilizzato per il corteo di Proprietà del caro amico Franco, è veramente un animale nobile e docile. Mi ha permesso di potermi esibire con padronanza e in modo naturale regalando uno spettacolo più suggestivo"

L'approccio con la città e con i suoi cittadini cosa le ha trasmesso?

"La città di Marino è nel mio cuore da anni, tanto che ho acquistato una casa proprio nel centro storico, ho scelto questo luogo per far crescere i miei figli, perché si respira aria di familiarità e di tranquillità difficile da trovare altrove. Per quanto riguarda i cittadini hanno saputo trasmettermi un grande calore ed un grande affetto, difficile da dimenticare, la cosa bella è che non essendo ancora conosciutissimo nel campo cinematografico, quando alcune persone mi chiedevano: "Ma chi sei?". Io rispondevo Marcantonio Colonna"

Un gesto inaspettato e fuori programma quello di scendere davanti la Madonna de u sassu per un affettuoso saluto.

"Sono un uomo molto devoto e colmo di valori e Tradizioni, ogni giorno passo davanti alla Madonna de u sassu salutandola e chiedendole di proteggerci sempre, gli avevo promesso che se avessi interpretato il Marcantonio l'avrei salutata anche in quella veste, e così è stato"

In conferenza stampa è stato detto che ha fatto questo ruolo a titolo gratuito, qual è il motivo di questa scelta?

"A Marino, ci vivo e dove c'è casa c'è famiglia. La famiglia affinché vada tutto bene deve esserci anche nel vicinato ed in ogni angolo della città, ed in famiglia non può esserci lucro"

Chi desidera ringraziare?

"Ringrazio tutti dal primo cittadino all'ultimo, Il Comune, le Associazioni, i figuranti del corteo, gli sbandieratori, i soldati, le dame, ogni persona presente, e tutte gli anziani, che dal loro balcone si sono affacciati, per salutare il ritorno del Principe. Un caro saluto va a Felice Orsini interpretata dalla bravissima Pamela Frezza.  Ringrazio voi per questa intervista"

carne fresca