I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Nemi è mezza isolata e chiede all'Esercito un ponte Bailey

NEMI (attualità) - Mentre si attendono i finanziamenti per le strutture esistenti, ecco la nuova ipotesi

ilmamilio.it

Il Comune di Nemi corre ai ripari per fronteggiare il problema della viabilità e dei suoi viadotti. Sulla via Nemorense e sul tratto chiuso ed in difficoltà da oltre un mese per inagibilità in questi giorni sono arrivati i tecnici. Il comune ha deciso infatti di affidarsi all’esercito. Per la circolazione a nord della cittadina i tecnici del Genio militare sono già al lavoro ed hanno effettuato un sopralluogo presso la struttura del ponte e dell’area in cui si vuole intervenire.

carne fresca

Attivata la collaborazione tra uffici tecnici comunali e responsabili della città metropolitana, effettuati rilievi e misurazioni, l’idea ora è poter costruire un ponte tipo Bailey. La peculiarità di questo tipo di strutture è costituita da elementi modulari, in genere travi reticolari in acciaio ed impalcati con assi di legno, che ne permettono una grande velocità di montaggio e smontaggio.

Intanto si attende un finanziamento della città metropolitana per le strutture esistenti. Il rifacimento costerà almeno un milione e mezzo di euro. Il ponte temporaneo potrebbe aiutare un problema piuttosto serio che sta pesando sulla cittadina.